La natura “si riprende” la ciclabile

Sono molti i frequentatori che segnalano il degrado della pista. Ma di chi è la competenza? Su tutto il tratto è dell'Ente Provincia, nel comune di Varese la manutenzione spetta a Palazzo Estense

La natura "si riprende" la ciclabile

La ciclabile attorno al lago di Varese è popolata come non mai in questi giorni d’estate. Facile da raggiungere, la si può utilizzare per una breve passeggiata o una corsetta. Si trova gente ad ogni ora del giorno. Non sarebbe male, quindi, se fosse curata un po’ meglio. Il tema non è nuovo ma come ogni anno, appena la vegetazione aumenta e torna ad “impossessarsi” di argini e panchine, torna la protesta dei frequentatori.

Galleria fotografica

La natura "si riprende" la ciclabile 4 di 14

Su Facebook sono in molti a postare foto di degrado ed incuria soprattutto in alcuni punti, come ci scrivono Chiara Beati, che ha fotografato la ciclabile all’altezza di Gavirate, e Fulvia Baj che ha postato sul nostro Gruppo Oggi nel Varesotto, immagini abbastanza eloquenti: “Vorrei mettere in evidenza lo stato di abbandono della pista ciclabile – scrive Fulvia – le foto postate si riferiscono alla zona indicativamente all’altezza Schiranna/Bodio. Ora non mi sovviene come siano divise le aree di competenza delle zone (se siano comunali o provinciali) resta il fatto che è da cinque anni che corro e una situazione così degradata non l’avevo mai vista.
Se volessimo proprio sollevare la classica polemica da popolino, i soldi incassati negli ultimi periodi dal Comune di Varese delle multe potrebbero essere destinati al decoro della nostra città “giardino”.
Polemiche a parte, speriamo che qualcuno faccia qualcosa…”.

Poiché in molti ci chiedono chi abbia competenza sulla ciclabile del lago vediamo di rispondere qui: l’ente Provincia di Varese deve occuparsi della manutenzione della pista ciclabile lungo tutto il tratto tranne quello che corre nel comune di Varese. In quel tratto la responsabilità è di Palazzo Estense.

Resta comunque il fatto che ci sono lunghi periodi di tempo in cui i 29 chilometri di pista sono piuttosto trascurati. E a dirlo sono proprio quelli che la amano e utilizzano di più.

COSA E’ SUCCESSO IL GIORNO DOPO

 

 

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Agosto 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La natura "si riprende" la ciclabile 4 di 14

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. apetraccone
    Scritto da apetraccone

    Visto che gli enti locali sono sempre più in difficoltà per mancanza di soldi e si sa, il denaro non lo stampa la Provincia o il Comune nei loro scantinati, io proporrei dei fare come si fa in molte parti di Italia. E cioè ogni confinante terriero curi e pulisca la sua parte di confine con la pista ciclabile. Un’ordinanza dei sindaci per i tratti competenti di strada (perché la pista ciclabile è un bene pubblico) risolverebbe senza troppi costi per nessuno. D’altronde è paradossale che in alcune delle foto si vede sul fondo al di là della recinzione o confine con la pista, il terreno ben curato, ma il ciglio, il fossato, il muretto di confine, viene lasciato pieno di erbacce, sembra di proposito!

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.