TrainING, ingegno e formazione

Venerdì 22 e sabato 23 marzo, l’Ordine degli Ingegneri della provincia di Varese organizza un congresso a cui sono invitati come relatori, famosi esponenti della tecnologia e grandi pensatori

vario

Venerdì 22 e sabato 23 marzo, l’Ordine degli Ingegneri della provincia di Varese organizza un congresso, presso il Centro Congressi De Filippi in via Brambilla 15 a Varese, a cui sono invitati come relatori, famosi esponenti della tecnologia e grandi pensatori.

Il programma è ampio e prevede il trattamento di differenti tematiche legate a differenti branche dell’ingegneria.

Tutti i temi saranno trattati in modo professionale e grande spazio verrà dato anche alla tematica ambientale. La partecipazione alle due giornate dà diritto a 15 crediti formativi professionali (8 per l’intera giornata di venerdì e 7 per la giornata di sabato).

Al congresso sono stati invitati anche alcuni studenti universitari e altri del Liceo Scientifico Ferraris di Varese, per dare un senso di unione al mondo dei professionisti e quello degli studenti.

Si comincia venerdì 22 marzo alle 9, con l’intervento di Raffaella Bossi Fornarini che farà un intervento sulla “Cultura e gestione dei progetti”.
Alle 10 Onofrio Lorusso parlerà dell’innovazione tecnologica al servizio del soccorso tecnico urgente, con la presentazione del settore SAPR (sistemi aeromobili a pilotaggio remoto) del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco.
L’intervento delle 11 del Prof. Decina, del Politecnico di Milano, tratterà il tema del 5G mentre alle 12 Luca Gibello e Roberto Dini parleranno delle costruizioni ad alta quota.
Nel pomeriggio, alle 14 Augusto Allegrini parlerà degli Ordini e delle loro connotazioni territoriali e l’incontro permetterà di ottenere 1 CFP ai fini dell’aggiornamento in materia di etica e deontologia.
Dalle 15 alle 16 Giulia Baccarin, che fa parte di una start-up del Politecnico di Milano, tratterà la tematica legata all’intelligenza artificiale legata all’etica e a seguire Luigi De Nardo si occuperà del ruolo dei materiali nell’ingegneria moderna.
A chiudere la giornata, l’intervento di Fabrizio Bozzi sull’ingegneria strutturale nelle architetture contemporanee.

Sabato 23 Paolo Moroni apre la giornata alle ore 10 con un intervento dedicato alla difficoltà nella comunicazione, mentre alle 11 arriva Antonio Caprarica che racconterà quali possono essere gli scenari possibili dell’uscita del Regno Unito dall’Europa. Il tema in questo caso non è prettamente ingegneristico ma può dare risalto alle possibilità che possono essere percorse da tecnici e professionisti che si trovassero a fronteggiare situazioni di rapporti professionali con il Regno Unito. A seguire Giovanni De Santi proverà a rispondere alla domanda “Quale innovazione per quale Europa?”.
Nel pomeriggio si andrà parlerà di gestione dei rifiuti nell’era dell’economia circolare con Giorgio Ghiringhelli, del futuro dell’uomo nello spazio (con Marte come nuova frontiera) con Luigi Bignami e sullo sviluppo di un veicolo elettrico innovativo con Alessandro Ferraris.
Alle 17 Luigi Pastore chiude il congresso con un intervento legato al “Cambiamento e algoritmo tra gatti neri, cigni neri, pachidermi rosa e rischi sistemici”, centrato sull’economia circolare e su tematiche ambientali.

Agli architetti sarà riconosciuto 1 cfp per ogni ora di partecipazione, validi per il triennio 2017/2019. Ai geometri iscritti all’Albo Professionale sarà riconosciuto 1 cfp con la partecipazione ad almeno 2 eventi (di un’ora ciascuno). Ai Periti Industriali potranno essere riconosciuti i crediti formativi così come previsto dal Regolamento per la Formazione continua in vigore dal 01/01/2017.

È possibile iscriversi al congresso dalla pagina dedicata del sito internet.

di
Pubblicato il 19 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore