Torna in classe alla primaria il “maestro di sport”

Rinnovato da regione Lombardia il progetto 'A Scuola di Sport' giunto alla sesta edizione. In questi anni coinvolti oltre 350.000 alunni lombardi

Alla primaria Galilei, una settimana senza zaino

«Valorizzare l’attività motoria nelle scuole primarie della Lombardia sia come attività fisica, sia come stile di vita». Questo, in sintesi, l’obiettivo del progetto ‘A Scuola di Sport’, approvato dalla Giunta regionale, su proposta dell’assessore a Sport e Giovani Martina Cambiaghi.

Arrivata alla sesta edizione, l’iniziativa – per la quale Regione Lombardia ha stanziato un milione di euro – prevede, a partire dal mese di novembre, l’affiancamento all’insegnante della scuola primaria di esperti laureati in scienze motorie o diplomati Isef per un’ora la settimana e un totale di 20 ore annuali in ogni classe. 

La seconda ora settimanale di educazione fisica sarà svolta dall’insegnante di classe. Previsto, inoltre, un tutor supervisore per ogni provincia, per facilitare il coordinamento fra il Coni, gli esperti e le scuole, e favorire il buon funzionamento dell’iniziativa.

Il progetto vede coinvolti anche l’Ufficio scolastico regionale, Coni Lombardia, Cip Lombardia e Anci.

I NUMERI DELLE PRIME CINQUE EDIZIONI – Il progetto ‘A scuola di  sport – Lombardia in gioco’ è cresciuto negli anni in modo significativo con l’adesione sempre più numerosa di scuole e classi. Nella prima edizione (2014/2015) avevano partecipato 62.811 alunni di 2.989 classi, dato raddoppiato nell’anno scolastico 2018/2019, con la partecipazione di 124.895 studenti di 6.207 classi. Nelle prime 5 edizioni sono 22.214 le classi che hanno aderito e 354.463 gli studenti lombardi (dei quali 16.766 diversamente abili, pari al 4,7 per cento) che hanno partecipato.

Nell’arco delle cinque edizioni Regione Lombardia ha stanziato oltre 4,5 milioni di euro.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore