Il salone Estense pieno per la presentazione di Nature Urbane

Alla presentazione, originariamente pensata per la stampa, cioè per una manciata di persone, si sono presentati in moltissimi, fino a quasi riempire il salone Estense

Presentato Nature Urbane 2019

Dopo il successo delle scorse edizioni, con oltre 20mila presenze nel 2017 e 25mila persone coinvolte nel 2018, dal 20 al 29 settembre 2019 torna a Varese Nature Urbane, Festival del Paesaggio.

Galleria fotografica

Presentato Nature Urbane 2019 4 di 7

E alla presentazione, originariamente pensata per la stampa, cioè per una manciata di persone, si sono presentati in moltissimi, fino a quasi riempire il salone Estense: «Non pensavo sarebbero arrivate così tante persone alla presentazione di questo evento, che così si conferma di grande interesse per la città» ha commentato il sindaco Davide Galimberti davanti alla sala piena. 

Presentato Nature Urbane 2019
Davide Galimberti con Silvia Priori, direttore artistico, e il direttore organizzativo Paolo Tarpini

22 parchi di dimore private aperte in esclusiva, 8 parchi pubblici, più di 200 appuntamenti, per scoprire le bellezze della città, tra visite guidate, iniziative di educazione al paesaggio per adulti e bambini, percorsi tra arte e natura, conversazioni, degustazioni e spettacoli.

Dalla Cittadella di Scienze della Natura “Salvatore Furia” all’Isolino Virginia – cui è dedicata la giornata del 28 settembre – dai musei varesini – Villa Mirabello, Castello di Masnago, Villa Panza-FAI – a Villa e Birrificio Poretti, saranno più di 40 i luoghi del Festival che accenderanno per 10 giorni i riflettori sulla città giardino.

La nuova edizione del Festival, sotto la direzione organizzativa di Tarpini Production e con la direzione artistica di Silvia Priori (Teatro Blu) ha infatti un programma ricco di eventi e artisti di fama internazionale tra cui i Kataklò, i Sonics, gli attori Roberto Anglisani, Anna Bonaiuto, Laura Curino, Federica Fracassi, Lucilla Giagnoni, Paolo Hendel, Annagaia Marchioro, Moni Ovadia; gli architetti  Andreas Kipar e  Marco Martella,  il giornalista Matteo Bordone e l’antropologo Franco La Cecla.

Questi sono solo alcuni degli artisti e delle personalità che parteciperanno alla manifestazione: ad ognuno di loro è stato chiesto di confrontarsi con una tematica di attualità legata a Varese e al suo territorio o di creare spettacoli e performance dedicate al patrimonio paesaggistico, artistico ed architettonico della città.

«Con la terza edizione, vogliamo far compiere a NatureUrbane un ulteriore salto di qualità – spiega il sindaco di Varese Davide Galimberti – Ventidue ville private aperte, numerosi spazi pubblici, la possibilità di ammirare negli stessi giorni due mostre dal richiamo internazionale come quelle di Renato Guttuso e Sean Scully. Vogliamo rendere Varese sempre più attrattiva e la cultura, come dimostra quanto fatto su diverse iniziative, è un asset importante in questo percorso. Il tema scelto per questa edizione porta a chiedersi come la bellezza che ci circonda possa cambiare noi e il nostro modo di rapportarci con gli altri, una sfida entusiasmante rivolta a ciascuno di noi».

«Ho immaginato un programma artistico sollecitando la creatività dei migliori artisti della scena contemporanea italiana a creare delle performance teatrali originali per la città a ciò che Varese sa regalare, grazie al suo immenso patrimonio paesaggistico, artistico e architettonico – Spiega Silvia Priori, direttrice artistica dell’edizione 2019 – Varese deve diventare luogo di ispirazione, spazio per produrre nuove idee, la magnifica tela su cui spargere intuizioni creative»

«L’organizzazione di un Festival come Nature Urbane è cosa assai complessa – ha spiegato Paolo Tarpini, Ceo di Tarpini production e direttore organizzativo dell’edizione 2019 – Oserei dire che siamo un po’ come l’olio che ha permesso ai vari meccanismi di ruotare agevolmente, nonché la benzina che ha alimentato costantemente la macchina. I partecipanti ad un Festival sono persone estremamente diverse tra di loro, con gusti, età ed aspettative diverse. La grande sfida per un organizzatore è cercare di soddisfare tutti: il nostro lavoro è stato quello di sviluppare un progetto composto di eccellenze italiane molto diverse tra loro, eppure molto coese al tema del Natura ed allo spirito del Festival»

LE INFORMAZIONI SU NATURE URBANE

IL PROGRAMMA DI NATURE URBANE

Tutte le manifestazioni sono a ingresso gratuito, come negli altri anni, ma molte delle iniziative sono su prenotazione: verranno accettate on line Dal 14 settembre 2019, alle 14.00.

La Welcome area di Nature Urbane è all’Info Point di piazza Monte Grappa, 5 a Varese: prenotazioni e informazioni il 14 settembre dalle 14.00 alle 17.30 e dal 15 al 29 settembre dalle 9.30 alle 17.30.

Per informazioni: Tel. +39 335 7617514 / +39 335 7617507, email: natureurbane@comune.varese.it

 

di
Pubblicato il 09 settembre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Presentato Nature Urbane 2019 4 di 7

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore