A Casa di Corte Nuova dove gli anziani non sono mai soli

A 4 anni dall’inaugurazione, si conferma una struttura all’avanguardia per la popolazione anziana che apprezza. Una residente: "Dopo anni passati sola in casa, questo posto è perfetto"

casa di corte nuova busto arsizio

Casa di Corte Nuova è sorta nel settembre 2015, a lato della Coop di viale Repubblica, e risponde alle esigenze degli anziani che, seppur autosufficienti, hanno bisogno di attenzione, compagnia e obiettivi. Realizzata dalla cooperativa Alisei secondo un modello già diffuso nel nord Europa, è una vera innovazione per il contesto italiano, Paese dove l’età media si alza sempre di più ma dove l’unica alternativa alla casa privata è la Rsa.

Galleria fotografica

Casa di Corte Nuova 4 di 7

La cittadella, attualmente abitata da una trentina di persone, dispone di circa 40 appartamenti, tra monolocali e bilocali, dotati di campanello d’allarme per eventuali emergenze ed è caratterizzata da una gestione di carattere alberghiero, con servizio lavanderia, ristorazione e spazi comuni.

Non è una struttura RSA (residenza sanitaria assistenziale); ognuno di loro mantiene il proprio medico di base e, autonomo o con lievi limitazioni, è libero di organizzare la propria vita in autonomia, uscendo ed entrando a piacimento, solamente con l’accortezza di avvisare i responsabili in modo da non farli stare in pensiero.

L’obiettivo della struttura è l’inclusione sociale degli anziani attraverso una serie di attività e di servizi come l’appuntamento di fisioterapia, i laboratori di arte, canto, “allena-mente”, condotti da persone qualificate, collaboratori, Oss, psicoterapeuti e psicologi: «Proponiamo diverse iniziative ed attività creative in cui al centro vi è la condivisione, per non concentrare l’attenzione solamente sul fisico e per contrastare anche il decadimento cognitivo. – spiega l’amministratore Mario De Plano – A dimostrazione di quanto sia importante la condivisione, i momenti di convivio; tutte le camere hanno la cucina, ma, tendenzialmente, la maggior parte di loro preferisce pranzare e cenare in mensa, in compagnia».

Gli ospiti hanno inoltre la possibilità di portare con sé la badante, proprio come se fossero a casa propria, ma anche, come è accaduto, il canarino, il gatto o il marito.

L’amministrazione della struttura consiglia un tempo di prova di un mese per ambientarsi alla nuova casa, ai nuovi spazi e alle nuove abitudini, ma tutti scelgono di restare: «Ho provato ad abitare qua per un mese, dopo cinque anni che stavo chiusa nella mia vecchia abitazione; ora, sono due anni e mezzo che vivo qui e non penso di tornare a casa. Mi fermo per via della compagnia e delle collaboratrici, grazie a cui sono ringiovanita» racconta Carmelina.

Anche Giovanna, che ha trascorso in struttura gli ultimi anni col marito, compagno di vita per 76 anni di matrimonio, continua a vivere in Corte Nuova perché si sente a casa: «Sono felicissima. Qua mi vogliono tutti molto bene e non mi sento mai sola».

Come tutte le grandi compagnie, anche loro hanno una mascotte ed è Ambrogina coi suoi 96 anni, entrata in Corte Nuova quattro anni fa per dare un’occhiata, ma ha detto subito alla figlia: «Questa è la mia casa».

«Non sono soli, ci siamo noi che vigiliamo con discrezione, mantenendo sempre la loro autonomia» ha affermato Mario De Plano, amministratore della struttura che, col tempo, è diventato un po’ il figlio di tutti loro.

di
Pubblicato il 22 Ottobre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Casa di Corte Nuova 4 di 7

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.