Ospedali in vendita: dopo Cuasso toccherà a Velate

È ancora al vaglio di regione Lombardia la manifestazione di interesse per vendere l'ospedale di Cuasso. Dopo toccherà a Velate ma prima occorrono dei passaggi tra cui il completamento del Del Ponte

ospedale di velate

La manifestazione di interesse per la vendita dell’ospedale di Cuasso è quasi pronta.

L’assessore al Welfare regionale Giulio Gallera ha detto che la proposta redatta dalla direzione dell’Asst Sette Laghi è ancora in fase di approvazione ma che il percorso si sta per concludere.

Una volta ottenuta la luce verde da Regione Lombardia si potrà procedere per mettere fine a una gestione “in perdita” del presidio che, viceversa, il territorio vorrebbe rilanciare: « Nei giorni scorsi – ha ricordato il presidente della Commissiona salute della regione Emanuele Monti – la direzione dell’Asst al completo ha incontrato i sindaci del territorio. È stata la priva volta che tutta la direzione si è mossa per confrontarsi con il territorio. Le posizioni sono davvero molto vicine: la proposta messa a punto dalla Comunità montana rispecchia la filosofia di fondo dell’azienda e sono convinto che si troverà presto una soluzione ottimale per tutti».

E dopo l’ospedale di Cuasso toccherà a quello di Velate. La vendita era già stata annunciata nel 2006 ma, di fatto, il presidio continua a svolgere la sua funzione per alcuni laboratori riabilitativi della neuropsichiatria infantile e dell’odontoiatria. Finchè non si potrà procedere al trasferimento dei servizi negli ospedali del centro cittadino, l’inalienabilità di Velate rimane certa.

Gli studi dentistici dovranno trasferirsi appena sarà pronto il monoblocco 2 i cui lavori dovrebbero partire dal gennaio prossimo.

La neuropsichiatria infantile è rimasta “fuori” dal nuovo Del Ponte ma forse, con il terzo lotto, il suo trasloco sarà attuabile. I tempi per il completamento dell’ospedale della donna e del bambino non si sanno ancora. Mancano anche i finanziamenti ma su questo tema il presidente Monti ha assicurato che «presto si potrà dare la notizia che la città aspettava da tanto tempo».

di
Pubblicato il 08 novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore