Ventitrè anni e un sogno: “Fare il liutaio”

Dopo la formazione in una scuola di Milano, Paolo Bianchi vuole aprire un suo laboratorio e darà inizio ad una campagna di crowdfunding per chiedere l'aiuto a tutti

Paolo Bianchi di Comerio, liutaio

«Quando entro in laboratorio non mi stufo mai». Paolo Bianchi ha 23 anni, una chioma di capelli ricci e lo sguardo sveglio. «Ho unito due passioni, quella della musica e quella della lavorazione del legno». Le sue giornate iniziano alle otto, in una stanza piena di attrezzi e pezzi di legno e si concludono intorno alle 18: «quando ho finito il liceo per me è stato facile scegliere cosa fare: mi sono iscritto alla scuola per liutai». Così, mentre i suoi compagni di classe sceglievano tra corsi di marketing aziendale, comunicazione, economia o medicina, questo ragazzo cresciuto a Gavirate si è iscritto ad un corso di tre anni a Milano per imparare uno dei mestieri più antichi.

Paolo Bianchi di Comerio, liutaio

Tecnicamente, quella del liutaio, è  l’arte della progettazione, della costruzione e del restauro di strumenti a corda. Nella pratica si traduce in ore trascorse a lavorare pezzi di legno con scalpelli e pialle, fino a farli suonare. La cassa armonica, il manico, le corde e ogni altro dettaglio deve essere uniti per diventare uno strumento musicale, che avrà storia propria.

«Ogni pezzo è unico e ha bisogno del giusto tempo per essere realizzato. L’esperienza è molto importante per capire come suonerà quel pezzo di legno», racconta mentre stringe tra le mani una delle chitarre che sta costruendo. «All’inizio si svolgono soprattuto riparazioni e setup, poi si passa a costruire anche chitarre e banjo. Ho la fortuna di avere avuto dei buoni insegnanti e oggi continuo a chiedere consigli a Simone Assunto della Liuteria Cocopelli di Gavirate, per me è un punto di riferimento».

Il suo desiderio ora riuscire a fare le cose in modo più professionale e lasciare il piccolo laboratorio artigianale di Comerio per aprirne uno vero, con più attrezzi e macchine per lavorare. «Sto impostando una campagna di crowdfunding su Kickstarter che partirà in primavera per raccogliere fondi e chiedere alle persone di aiutarmi a realizzare questo progetto».

Nel frattempo è possibile vedere i suoi lavori sulla pagina Instagram paolo_waiz e sulla pagina Facebook Waiz Banjoukuleles: «Ho scelto questo nome perchè il Banjoukukele è lo strumento protagonista della campagna di Kickstarter. È uno strumento che ho riprogettato, conferendogli un design unico e rendendolo comodo ed accessibile a chiunque».

Paolo è rintracciabile anche al sito www.waizpluckedinstruments.com. Per chi vuole conoscerlo dal vivo invece, è facile rintracciarlo nelle serate in cui suona con la sua band,  i Goldfish Recollection, o in giro per le montagne del Varesotto dove ama passeggiare insieme alla compagnia del Cai di Luino.

(Foto di Giulia Bonara)

di
Pubblicato il 30 Gennaio 2020
Leggi i commenti

Video

Ventitrè anni e un sogno: “Fare il liutaio” 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore