La Openjobmetis e Toney Douglas sono pronti a riabbracciarsi

Accordo pressoché raggiunto tra Varese e il veterano NBA che era stato già ingaggiato a febbraio senza mai poter scendere in campo. Esauriti i 1000 "fan kit prelazione". Ormai certo il divorzio con Tambone

Toney Douglas, primo giorno a Varese

Stroncato sul nascere la prima volta, a causa del coronavirus, l’abbraccio tra la Pallacanestro Varese e Toney Douglas sembra ora pronto per andare in scena sul serio. Il repentino e incredibile addio di Jason Rich, ha fatto sì che la Openjobmetis facesse la mossa più logica: ricomporre il numero di telefono dell’esterno americano che era stato in ballottaggio con l’ex avellinese per ricoprire il ruolo di guardia titolare e avanzare una nuova offerta per giocare a Masnago.

Douglas ha detto “sì” e quindi, finalmente, vestirà la canottiera biancorossa che era stata preparata per lui lo scorso marzo ma che, allo scoppio dell’epidemia, era stata riposta nell’armadio. La 34enne guardia della Florida aveva firmato un primo contratto con la Openjobmetis dopo l’addio a sorpresa di Jason Clark (appunto da segnare: occhio alla prossima firma se il giocatore ha quel nome di battesimo…) e si era allenato per tre volte con Attilio Caja in previsione della partita dell’8 marzo con Milano che poi non si è mai disputata.

Per ufficializzare il ritorno di Douglas restano da definire alcuni dettagli, ma dalla sede biancorossa si dà la cosa per fatta. Il giocatore – che tra il 2009 e il 2017 ha vestito ben sette maglie diverse in NBA – non potrà arrivare in Italia per fine luglio quando la squadra si riunirà, perché prima di sorvolare l’Atlantico dovrà sistemare alcune questioni personali però ha già dato il proprio ok calandosi in quel ruolo di leader offensivo che doveva essere di Rich. Douglas sarà il secondo veterano straniero insieme a Luis Scola, chiamato a dare l’esempio a una formazione con diversi giovani in rampa di lancio. Team dove quasi certamente non troverà posto Matteo Tambone che non ha accettato la modifica al contratto proposta dalla società e che attende una risposta da Pesaro. Al suo posto è pronto un altro ritorno gradito, quello di Ingus Jakovics.

Una filosofia, quella biancorossa, che i tifosi hanno dimostrato di apprezzare: oggi – sabato 11 luglio – sono stati “bruciati” i cosiddetti “Kit prelazione” ancora a disposizione, portando così a mille tondi il numero degli appassionati che hanno messo mano al portafoglio per avere un voucher da scontare nell’acquisto di abbonamenti e biglietti, una maglietta speciale e una mascherina Openjobmetis, un buono acquisti Tigros e la possibilità di vincere una vacanza Essevacation.

LA SCHEDA DI DOUGLAS

Americano di 1,88, Toney Douglas è nato nel 1986 a Tampa ma è cresciuto in Georgia ed è stato scelto al primo giro nel Draft NBA del 2009 dai Lakers, al numero 29: da quel momento ha vestito ben sette maglie nel massimo campionato cestistico mondiale (10,6 punti con New York nel 2010/11 il suo massimo) prima di scegliere la via dell’Europa e più precisamente della Turchia. Con la divisa dell’Efes ha vinto la coppa nazionale 2018 insieme a Bryant Dunston; poi si è spostato al Sakarya e al Darussafaka. Sia con quest’ultimo club sia con l’Efes ha potuto disputare l’Eurolega; nel 2018-19 il suo bottino è stato di 14,5 punti e 4 assist di media a partita. Lo scorso anno ha giocato all’Estudiantes Madrid dove è stato per qualche settimana anche compagno di squadra di Aleksa Avramovic.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 11 luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore