Comincia con un rinvio il processo d’appello per Leonardo Cazzaniga

L'ex rianimatore del pronto soccorso di Saronno a giudizio dopo la sentenza di condanna all'ergastolo in primo grado per l'omicidio di 12 pazienti

leonardo cazzaniga

Subito un rinvio per difetto di notifica per il processo in appello a Leonardo Cazzaniga, l’ex rianimatore del pronto soccorso di Saronno accusato di aver ucciso 12 pazienti con un mix di farmaci e per questo condannato all’ergastolo in primo grado un anno fa dalla corte d’assise di Busto Arsizio.

Oggi era prevista la prima udienza «tecnica, di costituzione delle parti», come aveva fatto sapere uno di difensori, l’avvocato Ennio Buffoli ma il difetto di notifica ha fatto slittare l’udienza al prossimo 23 febbraio.

Oltre all’ex vice primario sono imputati, con l’accusa di favoreggiamento, anche 4 medici della commissione dell’ospedale, chiamata a valutare l’operato di Cazzaniga e che in primo grado sono stati condannati a 2 anni e 6 mesi di reclusione.

Il 23 febbraio, dopo che la Corte avrà affrontato le questioni preliminari, il processo entrerà nel vivo, con le conclusioni del sostituto pg Nunzia Ciaravolo, delle difese e delle parti civili.

Cazzaniga sarà presente, in video collegamento dal carcere di Monza, come avvenuto oggi.

La vicenda del medico accusato delle morti in corsia grazie alla somministrazione di quel mix di farmaci battezzato proprio “protocollo Cazzaniga” si incrocia, sempre in Appello a Milano, con le sorti del processo “bis“ all’ex amante e sodale Laura Taroni accusata di aver ucciso la madre e l’ex marito e che è stata recentemente dichiarata sana di mente, sia pur affascinata dalla morte, in una recente perizia esposta in aula lunedì scorso.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 27 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.