Leonardo Cazzaniga esce dal carcere dopo quasi tre anni, concessi i domiciliari

L'ex-medico del Pronto Soccorso di Saronno è a giudizio per la morte di 12 pazienti in corsia e per aver partecipato all'omicidio di tre parenti della sua compagna Laura Taroni

processo leonardo cazzaniga

Dopo quasi tre anni di cella Leonardo Cazzaniga esce dal carcere e va ai domiciliari. La Corte d’Assise del Tribunale di Busto Arsizio ha accolto la richiesta del legale Ennio Buffoli motivando la decisione con il fatto che sono venute meno le esigenze cautelari nei confronti del medico accusato di 12 omicidi all’interno delle mura dell’ospedale di Saronno (dove era impiegato come medico del Pronto Soccorso) e di tre morti tra i familiari di Laura Taroni (condannata anche in secondo grado per l’omicidio del marito Massimo Guerra, morto nel giugno 2013 avvelenato da un mix di farmaci per il diabete, e per la morte di sua madre Maria Rita Clerici, nel gennaio 2014).

Il medico sarà controllato anche tramite un braccialetto elettronico.

Il processo di primo grado nei confronti di Cazzaniga è giunto ormai alle battute finali e riprenderà ad ottobre. Sentiti tutti i testimoni dell’accusa, della difesa e delle parti civili, ora si attendono i risultati della superperizia chiesta dalla difesa e concessa dalla Corte d’Assise.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 09 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore