Il PoliteAma rinasce e Cortisonici propone una visione internazionale

Voci in platea | PoliteAma In/between è il nome di un progetto della Fondazione Molina. Intervista a Massimo Lazzaroni della cooperativa Totem e Cortisonici

Voci in platea | PoliteAma In/between è il nome di un progetto della Fondazione Molina. Si lavorerà per aprire lo spazio del foyer alla città e la comunicazione avrà un ruolo centrale. Una serie di personaggi varesini racconteranno la loro relazione con il Politeama, la loro visione della cultura e tanto altro. È il turno di Massimo Lazzaroni dei Cortisonici.

Galleria fotografica

Voci in platea - Politeama 4 di 9

Che ricordo hai del Politeama?

«Le mie prime visioni negli anni Ottanta sono state qui. Ho visto Chi ha incastrato Roger Rabbit. Per me che arrivavo dalla provincia vedere il Politeama con le luci, i marmi, mi sembrava tanto Brodway, una cosa eccezionale. Per me era la sala principale di Varese.».

Che valore ha la cultura per una comunità?

«Si parla di cultura anche come elemento di promozione del territorio. Cosa più che lecita e sensata. Credo sia anche l’occasione per cui la comunità si ritrova in vari momenti, incontri, concerti… a me interessano tanto i festival perché le persone si possono vedere prima e dopo gli eventi. È un momento di scambio e nascono anche progetti. Fare cultura vuol dire raccontare, raccontarsi, vivere il proprio spazio. ».

Cortisonici è una esperienza particolare sia per il prodotto che il pubblico. Che importanza ha avuto per la cultura a Varese?

«Siamo alla diciottesima edizione. Per Varese ha riempito uno spazio che non c’era. Nasce da Filmstudio 90 in una città che ha fatto e amato tanto il cinema. Ha dato i natali ha tanti protagonisti. Cortisonici è arrivata come una proposta fresca, giovane e di un cinema emergente. All’inizio lo ha fatto con i cortometraggi offrendo una occasione di visibilità e anche di festa. Un po’ desacralizzando la cultura e i festival come qualcosa di fortemente elitario e rendendola e partecipata con sale gremite e calore».

Voci in platea - Politeama

Come si inserisce il festival per dare un contributo alla cultura?

«Serve un forte radicamento. Noi facciamo Cortisonici e lavoriamo con le scuole, ma serve una identità che si colleghi alle radici del territorio. Penso al lavoro di Tra Sacro e Sacro monte, alle stesse Nature urbane, si legano alla storia di Varese. Poi serve divertimento e vivacità. Non credo alle cose troppo rigide e formali. La cultura è anche divertimento. L’internazionalità è un altro elemento forte. Siamo provincia, ma abbiamo Malpensa e il confine con la Svizzera».

Il Molina ha lanciato un progetto per iniziare a sistemare il foyer e per questo chiede un aiuto alla città. Come vede questa proposta?

«Il Politeama è un luogo con forte identità. Ha una collocazione particolare è in centro e vicino alle stazioni. Mi piacerebbe si valorizzasse la piazza e la posizione oltre che il foyer. Un luogo di incontro e scambio».

TUTTE LE INTERVISTE

SCARICA IL PROGETTO

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Maggio 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Voci in platea - Politeama 4 di 9

Video

Il PoliteAma rinasce e Cortisonici propone una visione internazionale 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.