Un vademecum per cavarsela sui laghi piemontesi

IL manuale contiene l’elenco aggiornato di tutte le spiagge, le Bandiere Blu, i cantieri nautici e velici, pagine informative curate tra l'altro da Prefettura e Questura, Corpo Forestale, Arpa e Riserve Naturali del Lago Maggiore

E’ in distribuzione da alcune settimane la seconda edizione di “Vivere i laghi”, la brochure realizzata dal Distretto Turistico dei Laghi, Monti e Valli dell’Ossola in collaborazione con Prefettura e Questura del Verbano Cusio Ossola e di Novara, Ordine di Malta, Servizio di Emergenza 118, Asl 14, Federazione Italiana Nuoto e Salvamento, Corpi Militari e di Polizia ed altri enti.

Il vademecum, che raccoglie i regolamenti e le informazioni relative ai tre laghi, il Maggiore, l’Orta e il Mergozzo, offre un valido supporto a turisti e residenti per conoscere le regole fondamentali e indispensabili per trascorrere una vacanza serena sulle sponde lacustri.

“L’edizione 2008 di Vivere i Laghi – spiega il presidente del Distretto Turistico dei Laghi Antonio Longo Dorni – oltre alle informazioni già inserite nella precedente edizione e relative a bagnanti, natanti, sport d’acqua, spiagge, balneabilità e molto altre ancora, è integrata con l’elenco delle società canottieri, le norme di navigazione nelle riserve naturali. Si tratta di un progetto che ha un valore sociale e civile oltre che informativo. Con questo strumento l’obiettivo che ci poniamo è infatti quello di sensibilizzare i fruitori del lago verso le regole e le leggi che devono essere rispettate per garantire la sicurezza propria e altrui”.

Vivere i laghi, stampata in 10.000 copie la maggior parte delle quali già distribuite in campeggi, strutture alberghiere e uffici IAT del territorio riporta, oltre all’elenco aggiornato di tutte le spiagge, le Bandiere Blu, i cantieri nautici e velici, alcune pagine informative curate da enti e istituzioni quali Prefettura e Questura del Verbano Cusio Ossola e di Novara, Corpo Forestale, Arpa, Riserve Naturali del Lago Maggiore.

“Anche quest’anno l’iniziativa è stata realizzata in sinergia e collaborazione con le istituzioni, le associazioni e federazioni che si occupano di sicurezza nautica e salvamento – sottolinea il presidente Longo Dorni – a partire da Prefettura e Questura che hanno voluto testimoniare l’attenzione che il nostro territorio riserva al tema della sicurezza”.

Vivere i laghi, un centinaio di pagine tradotte nelle quattro lingue (italiano, inglese, francese e tedesco), è corredata anche da una cartina con la balneabilità delle località costiere ed elaborata sulla base dei dati ARPA.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 agosto 2008
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore