I progetti del Comune contro la povertà educativa

È l’obiettivo del Bando nazionale di Contrasto alla povertà educativa lanciato dal Governo insieme all’impresa sociale nata da fondazioni bancarie

La scuola senza zaino

Contrastare la povertà educativa minorile con interventi sperimentali per rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte di tutti i bambini e le bambine.

È l’obiettivo del Bando nazionale di Contrasto alla povertà educativa lanciato dal Governo insieme all’impresa sociale nata da fondazioni bancarie “Con i bambini”, che mette complessivamente a disposizione 69 milioni di euro per ampliare e potenziare i servizi educativi e di cura dei bambini di età compresa tra 0 e 6 anni, in particolare quelli che vivono in contesti territoriali disagiati.

Per partecipare al bando, il Comune di Milano ha pubblicato un avviso pubblico per la selezione di soggetti del Terzo Settore che, in qualità di partner, possano collaborare all’elaborazione di progetti innovativi che migliorino la qualità, l’accesso, la fruibilità e l’integrazione dei servizi all’infanzia esistenti.

Il valore complessivo del progetto, che avrà durata biennale, è di 880 mila euro, di cui 792 mila finanziati dal Fondo per il Contrasto alla povertà educativa, 44 mila a carico del Comune e 44 mila del/dei partner selezionati.

Le proposte di partecipazione dei soggetti del terzo settore – associazioni, cooperative e imprese sociali, enti ecclesiastici e fondazioni – dovranno pervenire entro le ore 12 del 27 dicembre 2016 in busta sigillata all’Ufficio Protocollo della Direzione Educazione in via Porpora 10.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore