Marco Veronesi sta meglio, trasferito in cardiologia

Sta meglio ed è stato dimesso dalla rianimazione l'ex giocatore colpito da infarto mentre era impegnato in un allenamento della Nazionale over '65

marco veronesi

Marco Veronesi è stato dimesso dalla rianimazione e trasferito nel reparto di cardiologia dell’ospedale di Verona. La notizia è stata accolta con grande gioia dai tanti amici dell’ex giocatore della Gamma Varese (Robur et Fides) prima e della Mobilquattro Milano.

Il giocatore di pallacanestro si era sentito male durante un allenamento con la nazionale over 65 in vista dei Mondiali di Montecatini. Immediatamente era partita la macchina dei soccorsi grazie ai presenti che hanno fatto il massaggio cardiaco e utilizzato il defibrillatore.

Le condizione del “biondo”, come è chiamato nell’ambiente cestisti, erano apparse subito molto serie. Fortunatamente l’infarto non ha provocato danni a livello neurologico: «I medici – dichiarano gli amici –  gli hanno assicurato che potrà riprendere a giocare a basket. Farà di tutto per essere presente ai mondiali di Montecatini per incitare la Nazionale Over».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 01 Giugno 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.