Un altro ibis eremita ucciso dai bracconieri

Una nuova vittima tra gli esemplari di questa specie rara e protetta. Brutte notizie purtroppo anche su "Dino" l'ibis che a settembre è transitato dalla provincia di Varese

Bisuschio - Ibis eremita

C’è una nuova vittima di bracconaggio tra gli ibis eremita “ospiti” della laguna di Orbetello.

“Dusti”, un esemplare di questa specie rara e protetta (molti di voi ricorderanno anche Dino, il giovane ibis fotografato da Franco Aresi durante il suo transito migratorio in provincia di Varese) è stato ucciso in Toscana nei giorni scorsi.

Come Dino, anche Dusti faceva parte del progetto internazionale Valdrappteam che prevede la migrazione controllata di questi rari uccelli per reinsegnare loro la rotta migratoria dopo che la specie era ad un passo dall’estinzione. Progetto al quale collabora da anni il WWF, che “ospita” gli animali nei mesi invernali nell’Oasi della laguna di Orbetello.

Purtroppo non si tratta del primo individuo che viene ucciso dai bracconieri: prima di lui a dicembre sempre in Toscana sono stati impallinati mentre volavano assieme Theo e Frieda. Altri due ibis, Flaps e Don Muggele (il primo in Toscana, il secondo nel Lazio) sono scomparsi in circostanze sospette. Le indagini sono attualmente in corso. Il bracconaggio continua ad essere una vera e propria piaga per le specie protette ed in particolare per l’ibis eremita visto che gli sforzi del progetto per salvarlo rischiano di essere vanificati dai bracconieri.

Dino, l’ibis eremita “di passaggio” a Mornago

Purtroppo anche le notizie riguardanti l’ibis varesotto non sono buone sarebbe infatti deceduto per una scossa elettrica letale verso la fine di settembre. Di Dino è stato ritrovato soltanto il segnalatore Gps.

di
Pubblicato il 14 gennaio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giorgio Martini Ossola

    faccio già fatica ad entrare nella mente di uno che si alza la domenica mattina alle 5 per andare a sparare ai passeri,ma uno che spara abusivamente ad una specie protetta proprio non riesco neppure a pensare che faccia parte della razza umana.

Segnala Errore