A Maccagno è parità: 802 a 802

Risultato inaspettato nel comune in cima al Lago Maggiore: ora probabile un riconteggio o un ritorno alle urne

maccagno con pino e veddasca

Alle 17.30 per il Viminale i risultati del voto a Maccagno con Pino e Veddasca ancora non sono arrivati: “zero sezioni su cinque”. Invece da almeno mezz’ora alle scuole del paese era tutto un far di conto coi cellulari usati come calcolatrici.

Alla fine le prime somme parlavano di Fabio Passera avanti di tre voti poi di uno. Alla fine è arrivata la parola che nessuno si aspettava: parità.

Si tratta di uno scenario irrazionale per le elezioni comunali che devono decretare un vincitore, ma questo sembra essere accaduto. Il dato gira intorno a un numero di voti uguale per entrambe i contendenti: 802 a 802. Ora lo scenario è quello di un ballottaggio tra quindici giorni senza voto di preferenza ma con soli due nomi scritti sulla scheda: Fabio Passerà e Davide Compagnoni.

Sul piano del l’analisi del voto un primissimo bilancio parla di centinaia di voti sottratti dalla minoranza all’attuale sindaco, circa 400: molto forte è stato il voto per la lista di Compagnoni nelle due sezioni di Maccagno e Maccagno superiore, la uno e là due, mentre le Valli hanno premiato Passera. La sfida, sull’Alto Lago, non è ancora finita.

di
Pubblicato il 27 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore