Oggi il tour V4U – Archeo sbarca sull’Isolino Virginia

Prosegue il tour V4U - Archeo: oggi -giovedì 12 settembre- e domani -venerdì 13 settembre- vi porteremo sull'Isolino Virginia dove è stato scoperto uno dei più importanti insediamenti palafitticoli della preistoria

0tour varese4u isolino virginia giorno 1

Protagonista della quinta tappa del tour V4U – Archeo è l’Isolino Virgina, sul lago di Varese. Entrato di diritto nella lista del Patrimonio Mondiale dell’Unesco, l’Isolino è un luogo pieno di storia dove è stato scoperto uno dei più importanti insediamenti palafitticoli della preistoria.

Oggi, giovedì 12 settembre, e domani, venerdì 13, vi racconteremo la sua storia e le curiosità legate a quello che può essere definito uno tra i luoghi più prestigiosi al mondo.

L’Isolino Virginia è coinvolto nel progetto Varese4U – Archeo insieme ad altre sette realtà, tre delle quali sono iscritte alla lista del Patrimonio Mondiale dell’Umanitàl’area di Castelseprio Torba, il Sacro Monte di Varese con il Monastero di San Francesco e il Monte San Giorgio. A queste si aggiungono l’area archeologia di Angera, il Monastero di Cairatel’area di Monsorino di Golasecca la necropoli Longobarda di Arsago Seprio.

CLICCA QUI PER SCOPRIRE TUTTE LE TAPPE DEL TOUR V4U – ARCHEO

Il racconto live delle due giornate

La quinta tappa del tour di Varese4U – Archeo parte dal pontile di Biandronno, proprio sulla pista ciclabile che costeggia il Lago di Varese. Direzione: Isolino Virginia.

Insieme a noi ci sono anche Daniele Cassinelli, Barbara Cermesoni, Daniela Locatelli, Fausto Caravati e Francesco Zanibelli.

Francesco Zanibelli, presidente di Navigazione Interna, la società che si occupa del servizio di traghettazione da Biandronno all’Isolino Virginia.

Fausto Caravati del Centro Gulliver di Varese ci parla degli eventi e delle tante iniziative realizzate all’Isolino.

Daniela Locatelli, funzionario archeologo della soprintendenza, ci parla del sito.

Incontriamo Daniele Cassinelli, direttore dei Musei Civici di Varese, il quale racconta che al museo dell’Isolino vengono conservati i pezzi appena raccolti.

Il ristorante Tana dell’Isolino che si trova sul piccolo isolotto è gestito da Luigi Lanzani. Alla base della sua cucina, l’esaltazione dell’originalità di sapori-saperi.

Dopo la mattinata trascorsa sull’Isolino, torniamo sulla terraferma con destinazione villa Mirabello, a Varese.

Prima di raggiungere la settecentesca villa Mirabello facciamo tappa in municipio dove incontriamo il sindaco di Varese, Davide Galimberti.

Ultima tappa della giornata è Villa Mirabello, situata all’interno del complesso dei giardini del Palazzo Estense. Dal 1948, la villa è di proprietà dell’amministrazione comunale e oggi vi è conservato il materiale proveniente da scavi sistematici (come l’Isolino Virginia, Bodio Lomnago e Cazzago Brabbia), da scoperte fortuite e da donazioni private.

Gran parte degli scavi effettuati all’Isolino Virginia sono opera dell’archeologo bustocco Mario Bertolone che dal 1937 al 1964 è stato anche direttore del museo.

A raccontarcelo è la conservatrice del museo, Barbara Cermesoni, insieme alla quale concludiamo la giornata.

La mattina del 13 settembre comincia al lido di Bodio dove incontriamo il sindaco Eleonora Paolelli, il vicesindaco Giorgio Sassi, l’archeologa subacquea di Archoeolutions Sabrina Luglietti e il ricercatore subacqueo che ha partecipato a gran parte degli studi fin dagli anni ’70 Paolo Baretti.

La prima a prendere la parola è Eleonora Paolelli.

Seguita da Paolo Baretti.

In barca partiamo alla volta dei luoghi interessati dagli scavi.

Raggiungiamo Galliate Lombardo, l’altra area sotto studi. Un sito di fatto ancora inesplorato.

“Ripescando” la storia: ecco i resti di un palo sommerso.

Al nostro rientro a Bodio veniamo raggiunti da Angelo Bertagna, sindaco di Galliate Lombardo.

Ci spostiamo a Cazzago Brabbia.

Qui incontriamo Giacomo Marrocco, giovane assessore alla cultura.

Durante il nostro tour interviene anche Alfonso Siracusa, consigliere comunale delegato alla cultura di Biandronno.

Il nostro viaggio volge al termine.

Cos’è Varese4U – Archeo

Si tratta di un’iniziativa nata con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio archeologico distribuito sul territorio di Varese e provincia e promuovere, di conseguenza, le attività turistiche e culturali ad esso collegate.

Nel progetto, oltre ai siti Unesco presenti in provincia di Varese, già protagonisti con Varese4U, saranno coinvolti anche il Monastero di Cairate, la Necropoli Longobarda di Arsago Seprio, l’area archeologica Monsorino di Golasecca e l’area archeologica di Angera.

Partner dell’iniziativa nove soggetti privati che faranno capo alla Varese Web Srl, società editrice di VareseNews. Tra questi Hagam, Navigazione Interna, FAI – Fondo Ambiente Italiano, Centro Gulliver, Archeologistics, Morandi Tour, Multimedia News, Kingstrom.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 12 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore