Nuovo atto vandalico a Bardello, colpito l’asilo. Il Sindaco “Sono molto arrabbiato”

Il sindaco Puggioni è amareggiato da una situazione che si protrae da due anni e che non sembra avere soluzione. L'incontro con i genitori di un gruppo di ragazzini non ha sortito gli effetti sperati

141tour

Da due anni Bardello convive con micro episodi vandalici. Le telecamere di sorveglianza, ma anche i canali social, hanno inquadrato più volte un gruppo di ragazzini tra i 13 e 17 anni : « Nel 2019 abbiamo convocato in Comune i genitori di questi giovanissimi – spiega il sindaco Luciano Puggioni – cercavamo un dialogo costruttivo per collaborare. Si tratta di maschi e femmine, che vorremmo più rispettosi verso la comunità e i beni che sono di tutti. Purtroppo, non abbiamo ottenuto molti risultati e i danneggiamenti continuano».

L’ultimo gesto ha preso di mira la scuola dell’infanzia, lasciata al buio e al freddo perché qualcuno ha rotto il pulsante del quadro elettrico: « Si sono accorte le maestre arrivate alle 7 per il preasilo – spiega il sindaco – hanno avvertito il volontario che è venuto e ha aggiustato il danno. Sono ormai troppi i piccoli gesti incivili e stanno esasperando la comunità. Io cerco di dissuadere i residenti dal prendere iniziative personali di tutela. Mi auguro che i genitori ci aiutino a controllare questi loro figli».

Il mese scorso è stata presa di mira la colonnina dell’Enel X per la ricarica delle auto elettriche, sono stati svuotati degli estintori, è stato distrutto il pluviale in rame della costruzione a disposizione della pro loco per le feste. 

Durante la seconda ondata pandemica, Bardello è stato tra i comuni più colpiti: « Avevamo anche 50/60 positivi e nel parco assistevamo ad assembramenti. Non potevamo permetterci che la situazione diventasse ancora più grave, così ho chiuso il parco. Una scelta difficile che è stata molto contestata, ma non potevamo agire diversamente».

Le telecamere del paese hanno visto il gruppo di giovanissimi amici emigrare così dal parco alla chiesa e alla scalinata che porta al ponte sul Bardello: « Sono davvero arrabbiato perché non si riesce a trovare una soluzione comune. Noi mettiamo a disposizione anche i nostri servizi sociali ma non possiamo sostituirci alle famiglie. E dall’altra parte solo silenzio»

di
Pubblicato il 09 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo196

    Qui non si tratta di sostituirsi alle famiglie ma sanzionarle a dovere visto che sono responsabili della (male) educazione dei figli. Certe persone ci “sentono” solo quando sono colpite nel portafoglio.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.