Cobas in corteo a Varese contro il governo Draghi e il green pass

Erano circa 200 i militanti del sindacato di Base Cobas per la manifestazione a Varese concomitante con lo sciopero generale nazionale indetto per lunedì 11 ottobre

Manifestazione Cobas a Varese

Il concentramento era in piazza Repubblica, ma la partenza del corteo è stato fissato in piazza Monte Grappa: erano circa 200 i militanti del sindacato di Base Cobas per la manifestazione a Varese concomitante con lo sciopero generale nazionale indetto per oggi, lunedì 11 ottobre.

Galleria fotografica

Manifestazione Cobas a Varese 4 di 11

«Questo è uno sciopero generale sulle condizioni sempre più difficili per i lavoratori. Vogliamo protestare per la situazione economica: si sta abbattendo un ennesima sciagura, creata da un banchiere che è stato messo a capo del Governo che sta portando delle iniziative economiche nei confronti dei lavoratori che giudichiamo negative, perch riducono ancora di più la capacità salariale dei lavoratori. Inoltre, con la liberalizzazione dei licenziamenti, ci sarà un incremento di lavoratori espulsi dalle aziende- spiega Eugenio Busellato, del coordinamento provinciale Cobas – Inoltre siamo contro il green pass, perchè è una misura divisiva. Non entriamo nel merito se sia giusto o no vaccinarsi, ma crediamo che questa ulteriore divisione è una situazione che pone una serie di discriminanti che non possiamo accettare. Naturalmente condanniamo le uscite violente come quelle di Roma, e porremo anche oggi molta attenzione a che all’interno del nostro corteo non si avvicinino elementi fascistoidi o nazisti che si insinuano all’interno di manifestazioni democratiche come la nostra per cercare di scompigliarle».

Dopo il concentramento in piazza Repubblica e l’avvio con comizio in piazza Monte Grappa, nei pressi della sede dell’Unione industriali della provincia di Varese di cui criticano le posizioni sui licenziamenti, il corteo è partito verso la prefettura, palazzo di rappresentanza del Governo, dove è previsto l’incontro con il Prefetto.

di
Pubblicato il 11 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Manifestazione Cobas a Varese 4 di 11

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    Quel banchiere contro cui si inscenano queste tristi manifestazioni è lo stesso che ha fatto in modo che il vostro conto corrente in questi anni mantenesse lo stesso potere d’acquisto salvando di fatto la moneta unica europea ed addirittura rendendola più forte. Draghi di fatto ha marcato la discontinuità nella guida della BCE rispetto al suo predecessore Claude Trichet, il precedente fautore della politica di austerità partita con Grecia e Portogallo. Draghi altresì ha fatto di tutto (famosa la sua frase whatever it takes) per evitare la tendenza dell’economia dell’Eurozona a entrare in deflazione complici anche dei governi come l’Italia che nel passato sono sempre stati riluttanti a riformarsi e svecchiarsi di tutti quegli orpelli normativi ormai vetusti e fuori dal tempo.
    In questi mesi Draghi ed il suo governo hanno fatto più riforme che i partiti politici nei precedenti 30 anni.
    E’ evidente che chi porta avanti queste sterili proteste oltre che non capirci nulla di economia nemmeno si vuole informare con obiettività e rigore.
    Attaccarci poi il Green Pass è il classico pretesto di chi non si vuole fare il vaccino e si giustifica con questioni relativi alla “inclusività”. Dei no-vax che si vergognano di esserlo in pratica e che hanno ancora un lavoro grazie ai loro colleghi che si vaccinano.

    1. Scritto da donnie

      Caro Felice,
      riguardo alle gravissime responsabilità di Draghi dutante la crisi greca puo’ consultare il volume “Adulti nella stanza” – né è stato tratto anche un docu-film piuttosto scorrevole.
      In mertito all’informarsi ed all’economia (potere di acquisto, deflazione, “orpelli normativi”, etc) forse un testo di economia potrebbe darle una visione d’insieme del contesto economico in cui viviamo e della sua involuzione negli ultimi 40 anni – gli scritti di Federico Caffè sono istruttivi, ma i nomi sono molti.
      In questo modo si renderebbe anche meglio conto della quantità di propoganda che viene pubblicata ogni giorno in ambito economico, spacciando semplici scelte di parte come ineluttabili leggi di natura.

  2. Scritto da lenny54

    Tra le innumerevoli inesattezze quella piu’ grossa e’ che ” il governo Draghi ha liberalizzato i licenziamenti” I licenziamenti erano stati bloccati per la pandemia, ma in un’econ0omia normale purtroppo ci devono essere. Finita o quasi l’emergenza si e’ ritornati alle leggi pre-pandemia. Giusto protestare ma con argomenti validi e veritieri!

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.