Devastarono il Pronto Soccorso di Gallarate, tre condanne

La sentenza per i fatti di tre anni e mezzo fa, verificatisi a seguito del suicidio di un loro congiunto che era in attesa di essere visitato dai medici della struttura

Pronto soccorso Gallarate

Sono stati condannati a pene comprese tra i 10 mesi e i 15 mesi i due fratelli Di Martino e la loro madre che il 22 gennaio del 2019 devastarono il Pronto Soccorso di Gallarate dopo che Catello Di Martino, loro congiunto, si era suicidato buttandosi dal quinto piano dell’ospedale mentre era in attesa di essere visitato.

Il fatto creò sgomento e preoccupazione sia per la vicenda umana del ragazzo, tossicodipendente con problemi di schizofrenia, che per la violenza brutale con la quale i famigliari si scagliarono contro il personale medico e infermieristico presente in quel momento e contro gli arredi del reparto.

Si toglie la vita in Pronto soccorso, i suoi parenti danno in escandescenze

Oggi è arrivata la condanna da parte del giudice monocratico del Tribunale di Busto Arsizio Giulia Pulcina che ha anche comminato una provvisionale di 3000 euro a favore dell’Asst Valle Olona rappresentata dall’avvocato Daniele Galati.

Tragedia all’ospedale, la famiglia denuncia

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Pubblicato il 07 Luglio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    3 anni per avere una condanna per un fatto relativamente di minore gravità.
    Stiamo ancora aspettando l’inizio del processo della funiculare del Mottarone e proprio ieri è iniziato quello del ponte Morandi. Forse tra altri 4 anni avremo una sentenza ma non ci spero. La magistratura e le sue lotte interne sono la prima causa della decadenza di questo paese. Se un cittadino non può contare su di una giustizia rapida ed efficiente allora siamo di fronte alla morte della democrazia.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.