Pedaggio di Pedemontana? “E’ un’estorsione, boicottiamola”

Un coro di proteste si leva contro i pedaggi con gli automobilisti pronti a tornare sulle vecchie strade. "Sulla Pedemontana solo per fotografare gli scoiattoli"

Pedemontana varese

E’ una valanga di reazioni quella scatenata dalla diffusione dei prezzi dei pedaggi di Pedemontana. Automobilisti imbufaliti nel sapere che per percorrere la tangenziale di Varese dovranno pagare 1,01 euro o che per il primo tratto di strada che collega la A8 alla A9 dovranno versare più di 3 euro hanno riversato in lettere e commenti la loro rabbia.

“Cara Pedemontana -scrive Danilo Menchise- è stato bello conoscerti e usarti in questi mesi. Grazie a te finalmente risparmiavo circa 20 minuti di strada al mattino e 20 alla sera. Purtroppo però per l’ingordigia di alcuni costerai troppo. Ancora qualche giorno insieme…poi però ti augurerò buona fortuna perché presto le nostre strade si divideranno”. E sono anche tante le domande, come quella di Fabrizia Bornati che si chiede “che senso ha comprare l’auto a gpl per risparmiare per poi regalare i soldi alla pedemontana?”.

C’è anche chi si è già fatto i conti in tasca. Luigi Anese che ha calcolato ad esempio come andare a lavorare da Mornago a Mariano Comense gli costerebbe -solo di pedaggi- 3.000 euro all’anno mentre Fabio Rigamonti ricorda come “in Svizzera, con 40 franchi, si viaggia tutto l’anno e su tutta la rete. Qui, invece, si viaggia solo un mese e per 4 km”. E anche chi attraversa per lavoro Pedemontana certo non esulta: “Noi con i bus facendo la tratta Lugano/Malpensa 20 volte al giorno -calcola Ivan Gaianigo- e pagheremo più di 35.000€ all’anno di autostrada; praticamente il leasing per l’acquisto dei pullman”

In moltissimi -praticamente tutti- si dicono quindi pronti a lasciare la strada nuova per quella vecchia paragonando il pedaggio richiesto dal 1 ottobre ad un furto, ad un’estorsione o anche ad una specie di pizzo. C’è anche chi si propone per incatenarsi ai piloni, chi lancia l’idea di non registrare le auto e di non pagare il pedaggio e chi si vede già in coda per entrare a Varese.

Ma qualcuno la prende anche sul ridere, come Danilo Sagasta che informa che “sulla A60 ci andrò a fotografare gli scoiattoli in corsia di sorpasso sulle volpi” o Sara Mazzalovo: “Modalità di pagamento di Pedemontana? Telepass oppure un rene“. 

Marco Corso
marco.corso@varesenews.it

Cerco di essere sempre dove c’è qualcosa da raccontare o da scoprire. Sostieni VareseNews per essere l’energia che permette di continuare a farlo.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 07 Ottobre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da FabioVarese

    Da orgoglio lombardo a cattedrale nel deserto. E pensare che se il pedaggio di Varese fosse 25 centesimi la userebbero tutti. Ma è troppo logico no? meglio 25 centesimi da migliaia di automobilisti o 1,01 Euro da nessuno? (tranne stranieri che non pagheranno mai?). Che fenomeni……

  2. Scritto da emy64

    bla bla bla e bla…l’italiano è sempre il solito chiaccherone,scommettiamo che da novembre continueranno a passare e pagheranno? se siamo arrivati a questo punto un motivo esiste,magari sarebbe meglio domandarsi perché si deve pagare le tasse per far costruire le infrastrutture ai privati,magari chiederlo a quelli della “roma ladrona” che usano anche loro i lumbard come galline dalle uova d’oro…

  3. Scritto da Mirko74

    Ma fosse almeno finita fino alla dogana!
    Adesso i politici locali otteranno una drastica riduzione: da 1,01 a 1,00 Euro!
    In effetti quel centesimo è la ciliegina su una torta…di m…a!

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.