Varese Design Week, l’edizione 2018 si vede dall’alto

Sarà un ponte di vetro la star di una settimana piena di eventi. La presentazionein Salone Estense

Presentazione Varese design week 2018

E’ stata presentata ufficialmente, al Salone Estense, la terza edizione della Varese Design Week.

33 location in centro città, la settimana varesina questa volta anticiperà la Milano Design Week. Al lavoro da mesi sul programma ci sono Silvia Giacometti, Silvana Barbato, Laura Sangiorgi e Nicoletta Romano, la presidente: sono loro le quattro protagoniste dell’associazione Waresable. L’edizione 2018, che si terrà dal 12 al 16 aprile, è ricca di novità.

La Torsellini – la società che l’anno scorso ha fornito l’affascinante installazione ai giardini Estensi, a forma di piramide – ha superato se stessa: l’installazione di quest’anno, che sarà “nel cuore di Varese” come ha spiegato, senza aggiungere altro, Nicoletta Romano,  sarà praticamente un ponte, da cui vedere Varese in un altra prospettiva. Sarà possibile salire all’altezza di 5 metri e attraversare un corridoio di vetro. Dove? Non è ancora precisato, ma i tecnici di Torsellini sono già alacremente al lavoro, e scopriranno la struttura in occasione della inaugurazione, che è giovedì 12 aprile alle 11 in piazza Podestà. Struttura che poi sarà visibile anche oltre il tempo della Design Week, per circa un mese.

Tra le 33 location, c’è anche il nuovo temporary store della Varese Design Week, che questa volta sarà localizzato in via Cavallotti al 2, dove una volta c’era la libreria Giuffrè: farà da centro espositivo e infopoint, ma avrà anche sorprese intereattive per scoprire le proprie emozioni col colore.

Il concorso legato alla Varese Design Week quest’anno sarà dedicato al “pet design”, e vedrà come mani sponsor un’altra delle aziende varesine che hanno fortemente creduto alla settimana del design varesino: la Croci di Castronno.

L’edizione scorsa, che aveva messo in gara i design di panchine, avrà un effetto anche quest’anno: tra gli eventi di quest’anno c’è infatti la consegna alla città della panchina Varesè, vincitrice dell’anno scorso, disegnata da Gianni Magnolia e prodotta da Track design: l’appuntamento è il 12 aprile alle 11.30, in piazzetta san Lorenzo  dove sarà collocata.

Ospiti della manifestazione tre architetti di prestigio a livello internazionale: Marco Piva, i cui progetti sono diventati alcuni tra i più prestigiosi palazzi del mondo, da Dubai a Montecarlo, da Kazan a Pechino; Carlo Rampazzi, archietto e designer di Ascona, che ha comincitao la sua cariera nel 1970, ha collaborato con Alessandro Mendini, e dopo avere disegnato alcuni tra i più suggestivi hotel svizzeri, ha fondato una propria linea di mobili e accessori d’interni. E infine la giovanissima star internazionale Marco Lavit, varesino del mondo, iscritto all’ordine degli architetti di Parigi, famoso per il suo ecodesign.

Importante anche la collaborazione del mondo universitario, che quest’anno si affianca al liceo artistico Frattini di Varese: a partecipare alla settimana varesina ci saranno infatti anche gli studenti del Politecnico di Milano e dello Ied.

«Voglio ringraziare il gruppo che ha realizzato l’evento della Varese Design Week – ha commentato il sindaco di Varese Davide Galimberti – Un grazie inoltre alle tante attività che si sono rese disponibili e parteciperanno all’edizione 2018. Questa è sicuramente un’occasione culturale importante: le esposizioni che potremo ammirare durante la Varese design week ci consentiranno di accendere ancora di più i riflettori su Varese. Ci aspettiamo molto da questa nuova edizione perché rappresenta una ulteriore occasione di valorizzare il nostro territorio abbinando alla cultura e la valorizzazione delle nostre eccellenze imprenditoriali».

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 21 marzo 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore