Betty Colombo per la “Notte del racconto” itinerante

Il Comune di Lavena Ponte Tresa aderisce alla Notte del racconto: appuntamento venerdì 9 novembre alle ore 17 al parco Hirshhorn muniti di torcia e abbigliamento pesante

notte del racconto

Per il secondo anno consecutivo il Comune di Lavena Ponte Tresa aderisce alla “Notte del racconto”, manifestazione nata oltreconfine, in Svizzera, oltre trent’anni fa.
L’appuntamento è per venerdì 9 novembre alle ore 17 al parco Hirshhorn. A guidare la manifestazione l’attrice Betty Colombo, esperta di letture ad alta voce, per grandi e piccini.

L’idea è creare un momento magico, durante il quale i bambini e gli adulti avranno la possibilità di condividere e godersi il piacere della lettura ad alta voce.
Le letture avverranno nel centro storico di Lavena, attraverso un percorso intinerante, caratterizzato da voci e atmosfere diverse. I bambini saranno accompagnati da volontari, mentre ai genitori sarà dedicata un’altra lettura ad hoc.

Il tema scelto per questa edizione è “Di tutti i colori”: “A volte le parole non bastano – scrive Baricco in Oceano mare – E allora servono i colori. E le forme. E le note. E le emozioni”. Nel motto “Di tutti i colori” sono racchiusi molti contenuti che aprono la strada a percorsi narrativi diversificati ma anche complementari tra loro.
Scrivono i promotori della Notte del racconto in Svizzera: “I colori rimandano all’arte, alla vita degli artisti, alla genesi delle loro opere, ai romanzi ambientati nei musei ma anche ai grandi illustratori di libri per ragazzi che rispondono, per citarne solo alcuni, ai nomi di Leo Lionni, Roberto Innocenti, Maurice Sendak, Enzo Mari, Bruno Munari, Emanuele Luzzati.
I colori rimandano al concetto di multiculturalità, all’idea che al mondo esistono colori di pelle, religioni, lingue, abitudini alimentari, culture, modi di pensare differenti tra loro. Differenze che fanno la ricchezza di questo mondo; una diversità che rende interessante e piena di colori la nostra esistenza.
I colori (il combinarne di tutti i colori) rimandano a tutte quelle avventure un po’ speciali, spesso al limite del concesso, che hanno reso famose, ad esempio, figure come Giamburrasca, Pippi Calzelunghe o Pinocchio; avventure, che proprio perché “politicamente scorrette”, affascinano e intrigano il lettore.
I colori, infine, sono importanti nella nostra vita, accompagnano i nostri stati d’animo e influenzano il nostro umore. Ci possono rendere visibili al mondo ma anche aiutarci ad essere invisibili”.

La partecipazione all’evento è libera e gratuita, aperta a tutti.
Si consigliano torcia e abbigliamento pesante.
Si richiede l’iscrizione dei bambini, per l’organizzazione dei gruppi di lettura, contattando la Biblioteca comunale “Lidia Macchi”: biblioteca.lpt@libero.it oppure 0332 523394.

di
Pubblicato il 06 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore