Con Air Italy adesso è a rischio anche l’indotto

Oltre ai quasi mille dipendenti della compagnia, lo stop mette a rischio il lavoro degli operatori a terra, dal catering alle pulizie, all'handling. Le prime stime

Air Italy Malpensa Toronto

Per ora si è parlato soprattutto dei dipendenti diretti, poco meno di mille (980) a Malpensa, circa seicento a Olbia. Ma la vicenda Air Italy rischia di essere una bella mazzata per Malpensa, anche per l’impatto sui servizi aeroportuali legati alla compagnia, quel che si può definire – con parola impropria – come “indotto”.

Sono i lavoratori dipendenti delle diverse società che si occupano del catering, gli addetti che si occupano alle pulizie a bordo dell’aeroplano, i servizi di lavanderia, la security, soprattutto quelli dei più generali servizi “di terra”, il cosiddetto handling. Tutti quelli che si trovano “sotto” all’aereo, ma anche al terminal prima dell’imbarco.

Gli equipaggi Air Italy lo scoprono sulla scaletta. “La compagnia si ferma”

Cifre ufficiali, per ora, non ce ne sono. Prima stima: per le varie società che servono Air Italy, la compagnia vale tra il 10 e il 30% del fatturato. Il che significa – ragionano i sindacalisti che se ne occupano – che l’impatto può essere più o meno immediato: in alcuni casi si è iniziato a parlare di licenziamenti già martedì, nell’immediatezza. Altre realtà sono più prudenti e valutano la possibilità di assorbire il colpo.

Quanti sono i lavoratori coinvolti? Il conto non è immediato.  Una stima di massima può far parlare di trecento unità, ma c’è chi stima si possa arrivare – subito o nel tempo – a cinquecento. Anche perché la questione non si ferma alla sola Air Italy: è possibile che ci sia una contrazione su altri vettori che alimentavano il traffico su Malpensa. E c’è l’altra ombra che aleggia su Malpensa: l’effetto del blocco dei voli per il coronavirus, che impatta prima di tutto sulle società che servono i vettori da/per la Cina, partendo da Air China e Cathay.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 13 Febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore