Sicurezza e bellezza nei percorsi casa-scuola a San Fermo

Le proposte dell'Associazione genitori per migliorare i percorsi dei bambini in termini di viabilità e decoro, anche per educare alla cura del bene comune

percorsi casa-scuola a San Fermo

Siamo convinti che un contesto ambientale urbano pulito, curato e “bello” abbia un valore educativo alla cura del bene comune da parte dei bambini (i cittadini di domani), delle famiglie e di chiunque abiti il quartiere”. Partendo da questa idea l’associazione dei genitori di San Fermo “Insieme per la scuola” ha presentato a Palazzo Estense una serie di proposte “per migliorare i percorsi casa-scuola sia in ordine al tema della sicurezza stradale, sia per quanto concerne il decoro”.

Galleria fotografica

percorsi casa-scuola a San Fermo 4 di 8

Si tratta di interventi duraturi e che vorrebbero coinvolgere direttamente, assieme all’Amministrazione comunale, anche bambini, ragazzi, enti e privati: “Un approccio di questo tipo,  già sperimentato per la via dei bambini, può non solo migliorare l’aspetto di San Fermo ma anche risultare un valido deterrente a facili, e purtroppo frequenti, manifestazioni di incuria e maleducazione in contesti degradati”, si legge nel documento inviato al Comune.
Di seguito le proposte.

Viabilità

A parziale integrazione di quanto già annunciato dall’Amministrazione comunale (tra cui archetti salva-pedone, nuovi marciapiedi e attraversamenti pedonali),  le proposte dei genitori spaziano dal riposizionamento di alcune strisce pedonali (ad esempio sulla via Pergine, davanti alla scuola media, alla luce dell’ultimo incidente in cui è stato coinvolto uno studente) e nuovi attraversamenti in via Valcamonica e in via Tarvisio (zona Oratorio).

Tra le proposte anche l’idea di rendere pedonale l’ultimo tratto della via Monfalcone (quello chiuso al traffico negli orari di ingresso e uscita da scuola), anche solo durante l’anno scolastico, con paletti dissuasori a restringere la carreggiata.

Decoro

Altra proposta riguarda il senso unico di via Monfalcone, dove l’idea è quella di coinvolgere dei writer nell’abbellire con i loro disegni le pareti dell’immobile a uso industriale e parzialmente residenziale da un lato, e il muretto delle case Aler sul lato opposto.
Per il Parco di via Pergine invece la proposta è di istituire qui una nuova area cani.

Una nuova area cani in città

Oggetto di interventi straordinari di pulizia e riordino dovrebbero essere anche i portici di piazza Spozio, dove trovano posto un bar e l’ufficio postale del rione oltre a un negozio e al centro diurno dell’associazione Millepiedi.
Anche qui potrebbero essere coinvolti dei writer per la sistemazione straordinaria di muri e colonne, mentre tra le richieste “ordinarie” c’è quella di rendere più frequente (almeno una volta a settimana) la pulizia del portico e la creazione di un’isola ecologica per l’esposizione ordinata dei rifiuti nei giorni di raccolta della differenziata. Oltre alla rimozione di carcasse di auto abbandonate da anni nel cortile a passaggio pubblico.

Infine, poco lontano, si chiede di intervenire anche sulla via dei Bambini, inaugurata qualche anno fa con le decorazioni di tutti i bambini del quartiere, dall’asilo nido alle medie, grazie al lavoro di coordinamento del Tavolo di Sviluppo di Comunità.

di
Pubblicato il 27 febbraio 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

percorsi casa-scuola a San Fermo 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore