Una TV rotta all’origine della rivolta nel carcere di Varese

La protesta rumorosa dei detenuti sarebbe partita da un confronto acceso tra un carcerato e una guardia. A raccontare i dettagli l'avvocato difensore Damiani

141Tour Miogni: i luoghi

È ritornata la calma nel carcere dei Miogni di Varese teatro ieri pomeriggio di una rivolta da parte dei detenuti. All’origine delle proteste ci sarebbero una televisione rotta in una cella e un confronto acceso tra un detenuto, che chiedeva di sistemarla, e una guardia.

« La contestazione – commenta l’avvocato Sandro Damiani difensore del detenuto coinvolto – sarebbe avvenuta mentre lui si trovava in infermeria. Quindi non gli è imputabile la sobillazione della protesta, contenuta e sedata grazie all’arrivo di forze speciali in tenuta antisommossa».

Questa mattina, il difensore ha cercato di avere notizie del suo assistito per poter ricostruire l’accaduto: « È stato trasferito, insieme con altri carcerati , alla casa circondariale di Monza ma per un disguido tecnico non l’ho ancora sentito per farmi spiegare esattamente cosa sia successo e, soprattutto, come stia. Non sono riuscito nemmeno a parlare con il comandante né con il direttore sanitario per farmi rilasciare il referto medico. Una volta in possesso della documentazione valuterò l’ipotesi di sporgere denuncia o querela e, sicuramente, inoltrerò istanza al pubblico ministero perché siano concessi al mio assistito gli arresti domiciliari visto il clima che si è venuto a creare. Dato che non esistono pericoli di reiterazione del reato, fuga o distruzione delle prove, chiederò che possa attendere a casa propria l’udienza del 5 febbraio».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Gennaio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.