Roberto Maroni a capo della task force contro il caporalato e lo sfruttamento

L'ex-Ministro dell'Interno torna a ricoprire un ruolo istituzionale dopo che, qualche mese fa, aveva rinunciato alla candidatura a sindaco di Varese per problemi di salute

Roberto Maroni varese

Roberto Maroni è stato nominato dal ministro dell’Interno Luciana Lamorgese a capo della Consulta per l’attuazione del Protocollo d’intesa per la prevenzione e il contrasto dello sfruttamento lavorativo in agricoltura e del caporalato.

Il suo insediamento è avvenuto oggi, mercoledì, alla presenza del ministro del Lavoro e delle Politiche sociali, Andrea Orlando, del ministro delle Politiche agricole alimentari e forestali, Stefano Patuanelli, e del presidente del Consiglio nazionale di Anci, Enzo Bianco.

Solo pochi mesi fa, a causa di un problema di salute, aveva dovuto rinunciare alla corsa per la poltrona di sindaco di Varese. Da diverso tempo non ricopriva più ruoli istituzionali dopo che in passato era stato ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e ministro dell’Interno.

A Maroni un compito importante, dunque, e cioè quello di dare impulso e attuazione al protocollo d’intesa firmato lo scorso 14 luglio e che mira a debellare una piaga estesa soprattutto nei settori dell’agricoltura e dell’edilizia.

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 20 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giovy Milano

    Questa è la politica italiana, un confronto duro, leale e trasparente per imporre visioni diverse per il bene del paese, senza inciuci, mediazioni indicibili, guerre intestine, finti attacchi, insomma pubbliche virtù e vizi privati…
    Lo stesso Maroni che aveva rinunciato alla ricandidatura in regione per tensioni con Salvini, coglie l’occasione per farla pagare al segretario accettando questo incarico addirittura dal ministro Lamorgese, nemico numero uno della lega e di tutto il centro destra…non prima di essere stato silente per tutta la campagna elettorale del povero ingenuo Bianchi…

    Se poi aprite questo link troverete la descrizione limpida della politica italiana…Tutto torna !
    http://www.regioni.it/dalleregioni/2017/01/27/nuovo-prefetto-di-milano-maroni-luciana-lamorgese-ottima-scelta-benvenuta-in-lombardia-496683/

  2. carlo_colombo
    Scritto da carlo_colombo

    Bella mossa della ministra Lamorgese ad “assumere” Maroni; vediamo ora se Salvini continuerà ad attaccare il “datore di lavoro” del suo autorevole “compagno” di partito.

  3. Scritto da Viacolvento

    Maroni è stato nominato congiuntamente da tre ministri e non dalla sola Lamorgese e, svolgendo una funzione non retribuita, non ne dipende.

  4. Scritto da Giovy Milano

    Che bella personcina questo Maroni…Oggi dichiara di non far più politica dal 2018 e di aver accettato la nomina odierna già da luglio. Ma guarda un po’, si è già dimenticato in un sol colpo di essere stato candidato sindaco di varese per sei mesi,(quella non è politica) di aver abbandonato per motivi di salute solo poche settimane prima del nuovo incarico, di aver promesso massima collaborazione al povero Bianchi per poi essere sparito completamente fino a ieri…Un leghista doc come giustamente rivendica, Salvini ne sarà orgoglioso !
    Siamo tutti sinceramente felici che abbia superato i problemi di salute, politici così sono rari.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.