Gabricasa, la tua terrazza privata in centro

Tra i cantieri aperti in questo momento, siamo andati a scoprire quello di via Roma a Gazzada Schianno, che ci è stato descritto dall’architetto Gianclaudio Negri

Gabricasa - cantiere Gazzada

Da oltre 60 anni, Gabricasa porta avanti l’arte del costruire guardando al futuro come impegno sociale nell’interesse della collettività.
Tra i cantieri aperti in questo momento, siamo andati a scoprire quello di via Roma a Gazzada Schianno, che ci è stato descritto dall’architetto Gianclaudio Negri.

Galleria fotografica

Gabricasa - cantiere Gazzada 4 di 9

Buongiorno architetto, oggi siamo qui per parlare del vostro cantiere aperto a Gazzada Schianno, una posizione decisamente interessante

Sì, la posizione del cantiere di Gazzada è decisamente strategica. È un intervento che coinvolgerà’ due lotti di terreno attigui tra via Roma e via Stazione, una posizione comoda, sia per uscire a piedi, per usufruire degli innumerevoli servizi offerti da Gazzada, sia per il fatto di avere la stazione letteralmente fuori dal cancello di casa (con la linea ferroviaria che va verso la Svizzera e quella che va verso Milano). Altro punto a favore è la vicinanza all’autostrada Pedemontana, che rappresenta un’arteria di collegamento importante e non ultimo, la vicinanza alla città. Possiamo dire che abitare lì significherà letteralmente vivere a due passi da Varese.

Quale è stato l’approccio che avete utilizzato nella progettazione?

Avendo a disposizione due lotti di terreno, abbiamo deciso di costruire due piccole palazzine per sfruttare al meglio lo spazio. Devo dire che ci è servita l’esperienza degli ultimi lavori fatti a Varese, con i cantieri di Via Corridoni e di via Monte Rosa.
Questi due interventi ci hanno portato alla ricerca di un modo nuovo di rappresentare la casa, andando a ridefinire il concetto di appartamento.

In primo luogo puntiamo molto sulla location. Ci siamo resi conto che le persone voglio avere ampi terrazzi privati, che diventano dei veri e propri luoghi da vivere all’aperto, ancora di più dopo l’esperienza della quarantena. Altro elemento fondamentale è la luce naturale in abbondanza, in tutti i locali, che poi si traduce nella progettazione di edifici con ampie vetrate.

Ci siamo specializzati nel non lasciare nulla al caso, cercando di immaginare il percorso di chi poi abiterà lo stabile, dal momento in cui apre il cancello, al momento in cui accede al suo appartamento.

Quello che sorprende chi viene a visitare i nostri palazzi, è la perfetta suddivisione di tutti gli spazi, il fatto di trovare tutto quanto il necessario al posto giusto. È un po’ il cuore del nostro essere architetti, oltre che costruttori e della nostra vocazione a pensare e costruire l’abitare, prima che l’edificio stesso.

Noi interpretiamo il mercato attraverso l’architettura. L’architetto cerca sempre di fare opere che durino nel tempo. È quello che la gente ci chiede: bellezza, un’opera che resiste nel tempo e che non perde valore.

Cosa intende dire quando dice che le persone trovano tutto al posto giusto?

Nelle nostre case studiamo già la posizione della cappottiera sull’ingresso, della scarpiera, delle cabine armadio per le diverse stanze e della lavanderia, tra le altre cose. Facciamo in modo che ogni rituale della vita quotidiana familiare trovi il posto giusto e che ci sia fluidità degli spazi.

È la vita che ispira il disegno della matita!
Uno dei nostri motti è che la differenza sta nei materiali.

Gabricasa - cantiere Gazzada

Cosa intende?

Cerchiamo di usare sempre i materiali migliori, come fossero ingredienti della nostra dieta. Usare materiali migliori significa che non scadono velocemente, ma che resistono nel tempo e garantiscono stabilità, efficienza energetica e acustica, che oggi fanno il nocciolo duro delle abitazioni moderne dal punto di vista tecnico.

Vi piace definire le vostre case come case elettriche, cosa intende?

Nelle nostre case tutto è elettrico, dagli ascensori alle parti comuni. Tutto funziona con il concetto di pompa di calore, con un fotovoltaico abbinato a fonti rinnovabili, nel pieno rispetto del tema del risparmio energetico e della lotta a favore dell’ambiente, un tema fondamentale.
I nostri appartamenti devono consumare pochissimo e non devono generare sprechi.

Attraverso la piattaforma Save the Planet abbiamo firmato un protocollo d’intesa per il  «CANTIERE GREEN»: seguendo il protocollo, fin da subito sarà possibile abbattere almeno del 43% la CO2 prodotta dal cantiere, potendo esporre sul cartello il marchio che dichiara che quello è un Cantiere a bassa emissione di gas climalteranti.

Come definisce l’esperienza di acquisto della propria casa attraverso Gabricasa?

E’ un vero e proprio percorso. Noi accompagniamo le persone dal momento in cui decidono di investire, alla ricerca e definizione del loro stile.
Le persone si aspettano molto dalla propria casa e noi cerchiamo di non deluderle. I nostri clienti fanno le loro scelte in modo consapevole, soddisfacendo la loro necessità di costruire ed arredare il loro nido secondo il gusto personale.
Per loro si traduce in un’esperienza completa, una vera e propria gestazione, impegnativa ma che conduce a un risultato di soddisfazione.

gabricasa

di
Pubblicato il 27 Settembre 2021

Galleria fotografica

Gabricasa - cantiere Gazzada 4 di 9

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.