Carcillo: “Non ci sono le premesse per un confronto sereno”

La lettera di "Continuità e rinnovamento" che spiega perché non ci sarà il faccia a faccia tra i due candidati

porto ceresio - domenico carcillo "continuità e rinnovamento"

Non ci sarà il confronto pubblico tra i due candidati sindaco di Porto Ceresio.

Domenico Carcillo, candidato per “Continuità e rinnovamento” ha declinato l’invito della lista “Porto Ceresio Insieme si può” con una lettera in cui si sottolinea la scarsa serenità della competizione elettorale.

“La presente – scrive Carcillo a Jenny Santi – per declinare, come fatto a voce,  il suo invito ad un “faccia a faccia” per il 2 giugno, di cui  la ringrazio, che tuttavia non rientra nei nostri impegni: se voi avete un incontro con la cittadinanza il 2 giugno,  noi lo avremo il 3 giugno.

Inoltre non ci sono le premesse adatte. Infatti il  clima di confronto che doveva essere  sereno e pacato è stato certamente incrinato dal crescendo di insinuazioni da Lei diffuse sul nostro conto a mezzo stampa: le ultime addirittura riguardanti presunti reati quali strappi di manifesti e furti di programmi elettorali dalle cassette postali, oltre i post da Lei pubblicati su facebook ed i gravissimi commenti da Lei consentiti e mai smentiti.

Le accuse hanno raggiunto un livello polemico che non trova riscontri in nessun’altra competizione elettorale presente o passata, che ha fatto di Porto Ceresio  un caso negativo unico, diverso rispetto agli altri comuni. Da parte nostra, che abbiamo fatto un uso attento e responsabile della comunicazione,  non potevamo fare altro che rispondere con fermezza e pacatezza.

Perciò passate le elezioni bisognerà ristabilire un rapporto di dialogo sereno per il bene comune, ciascuno per il proprio ruolo, qualunque sia l’esito.  Cosa che noi certamente faremo.

Intanto, lasciamo ai cittadini la serenità di leggere attentamente i nostri programmi, di confrontarli  e di riflettere sulle cose ivi contenute, al di là delle polemiche e della spettacolarizzazione  della politica, già troppo in uso.  Il nostro programma, quello scritto non quello verbale,  è ciò che interessa i cittadini, perché esso  è il vero contratto che noi sottoscriviamo con i Portoceresini. Noi ne stiamo dando la massima diffusione anche on-line. Lo faccia anche Lei. Sarà in base al programma scritto che i cittadini sceglieranno. Così come sarà poi il programma scritto la traccia del nostro lavoro futuro per rispondere alla fiducia dei cittadini”.

di mariangela.gerletti@varesenews.it
Pubblicato il 31 maggio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore