Sull’altopiano dove i veterani di guerra ballano coi lupi

Riccardo Ferraris da Gallarate si è stabilito in California: in un documentario racconta la storia dei soldati e dei lupi che guariscono insieme. Venerdì la proiezione a Varese

Italia Mondo generiche

jeraDalle valli dell’Afghanistan all’altopiano intorno a Los Angeles. Dalle gabbie dove erano prigionieri alle carezze di un ex soldato. Sono due storie di sofferenze – quelle dei reduci di guerra e quelle dei lupi maltrattati – che si incontrano: il documentario The War in Between, firmato dal regista varesino Riccardo Ferraris, racconta appunto la straordinaria amicizia tra uomini e lupi, in un centro nei dintorni della metropoli californiana (il film sarà proiettato a Varese venerdì 11 maggio,al Nuovo).

Da una parte veterani dell’esercito americano e le terribili memorie della guerra, dall’altra lupi recuperati dalle torture di circhi illegali. In comune il PTSD – sindrome da stress post-traumatico – e la possibilità di rinascere grazie ad una terapia simultanea che porta gli uni a prendersi cura degli altri.

The War in Between è un documentario tutto italiano girato e prodotto negli Stati Uniti. Il regista Riccardo Ferraris – originario di Gallarate e trapiantato a Los Angeles da sette anni – ha messo insieme una squadra di giovani talenti emigrati negli Stati Uniti nel suo primo lungometraggio.

Il Larc – Lockwood Animal Rescue Centre – è un centro di recupero per lupi feriti, confiscati a circi illegali che tengono questi maestosi animali in condizioni di vita miserabili. Spazi ridotti, catene metalliche, violenze: tutto per guadagnare pochi dollari da turisti di passaggio che pagano per poter fotografare questi mammiferi. Nel parco messo a disposizione da LARC i lupi ritrovano spazi aperti e interazione con i propri simili, in un percorso di lenta reintroduzione in Natura. «I veterani riscoprono l’entusiasmo del bambino che viveva in loro prima del trauma, prendendosi cura di un animale ferito comprendono che anche per loro esiste una seconda possibilità» dice Matt Simmons, fondatore del LARC.

Italia Mondo generiche

I veterani di ritorno da fronti caldi come l’Iraq e l’Afganistan sviluppano spesso una patologia depressiva che li porta ad un completo distacco dalla società. Abuso di alcol e droghe, violenze domestiche e tentativi di suicidio (ogni sono il filo conduttore delle loro storie. Tornando a contatto con la Natura, i soldati ritrovano l’equilibrio che avevano perso durante gli anni di servizio militare, instaurando con i lupi un rapporto unico, un legame inossidabile.

THE WAR IN BETWEEN – TRAILER from CENTO LIRE PRODUCTIONS on Vimeo.

«Ho scoperto questa storia per caso leggendo un quotidiano locale» racconta Ferraris. «Nell’estate del 2015 ho visitato il centro per la prima volta. Non avevo mai visto un lupo nella mia vita: è stata un’esperienza indescrivibile. Il rapporto che si instaura tra animali e uomini ha dell’incredibile: ogni veterano ha il proprio lupo prediletto, l’uno e’ indispensabile all’altro. Ho visto omoni fatti di barba e muscoli piangere perchèéin quel specifico giorno il proprio lupo non ha mangiato o non gli ha rivolto lo sguardo».

Italia Mondo generiche

Ferraris (nella foto sotto) ha iniziato a lavorare negli Usa come giornalista, solo in seguito ha scoperto la vocazione da documentarista.
«Fino a tre anni fa non avevo mai preso la cinepresa in mano, non sapevo nemmeno cosa volesse dire mettere insieme un documentario dalla A alla Z. The War in Between e’ un esempio di come quando si ha tra le mani una storia forte basta lasciarsi trascinare dagli eventi per raccontarla nel migliore dei modi».

gallarate generico

Il documentario The War in Between sarà proiettato venerdi 11 maggio alle ore 21, al Cinema Nuovo di Varese, in occasione della rassegna Di Terra e di Cielo. Il documentari è stato selezionato da diversi festival (Roma, Santa Barbara, Phoenix, Boston, Sedona, Los Angeles).

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 08 maggio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore