Mv Agusta, festa a Milano e poi spazio ai test in pista

Presentate a Milano le F2 che parteciperanno al mondiale Moto2 con Manzi e Aegerter. Castiglioni e Cuzari: "Un sogno che diventa realtà". Nei prossimi giorni le prove ad Almeria e Jerez, il 10 marzo primo GP in Qatar

presentazione motociclismo moto2 mv agusta forward racing team

Il dado è tratto, con la giusta dose di coraggio per riportare in corsa, nel Motomondiale, un vero e proprio mito delle corse che però manca all’appuntamento con i circuiti del circus iridato da ben 42 anni. Negli spazi milanesi del Garage Italia Custom, sono stati tolti i veli alle MV Agusta F2 che parteciperanno al campionato di Moto2, riportando così in giro sulle piste del massimo palcoscenico motociclistico un marchio che ha fatto la storia a suon di successi.

Le moto, gestite dal Team Forward del patron Giovanni Cuzari e assistite dal Reparto Corse della Schiranna, sono affidate come è noto a una coppia assortita di piloti: il giovane italiano Stefano Manzi e l’esperto svizzero Dominique Aegerter. Per loro il lavoro “su asfalto” inizierà subito, con due appuntamenti ravvicinati e cruciali per la messa a punto dei bolidi “made in Varese” (pur con motore Triumph, come da regolamento della categoria, aspetto che ha lasciato qualche dubbio ai “puristi” di MV).

Squadra e mezzi infatti saranno impegnati in questo fine settimana sul circuito di Almeria (15 e 16 febbraio) e poi sulla più importante pista di Jerez de la Frontera, sempre in Spagna, tra il 20 e il 22 di questo mese. Test vicini e determinanti, perché il Mondiale è quasi alle porte con la prima gara prevista in Qatar domenica 10 marzo, appuntamento iniziale che comincerà a dare una indicazione su quale potranno essere gli obiettivi della MV in questa stagione ma anche le gerarchie interne al box, nel quale toccherà al team manager Milena Koerner dettare i tempi e prendere le decisioni più scottanti.

presentazione motociclismo moto2 mv agusta forward racing team

«Sono cresciuto sui campi di gara, partecipando ai successi ottenuti dal nostro gruppo ma il sogno di tutti era quello di tornare nel Mondiale – ha detto il presidente della casa varesina, Giovanni Castiglioni – Sono orgoglioso che la nostra moto stia riaccendendo i ricordi di molti appassionati grazie a un gruppo di sognatori un po’ folli che comprende i nostri ingegneri, il Centro Ricerche Castiglioni e Giovanni Cuzari».

Quest’ultimo, patron del Forward Racing Team, ha ringraziato lo sponsor principale della squadra, “Idea Lavoro”, e confermato le parole di Castiglioni. «Dopo anni di lavoro assistiamo alla realizzazione di un sogno. Siamo entusiasti delle novità, consapevoli delle responsabilità che ci attendono ma anche orgogliosi e fiduciosi nella stagione che sta per iniziare».

I piloti, per la verità, hanno già svolto un primo test nel mese di novembre, ma è chiaro che ora si debba iniziare a tirare le somme per un anno «tutto da scoprire, con una moto costruita da zero sulla quale però mi sono trovato subito a mio agio» è il parere di Manzi, 22enne riminese.  Arriva invece dalla zona di Berna il 29enne elvetico Aegerter: «Per me è nuova anche la squadra (Manzi era già in forza al team Forward ndr) ma so di poter contribuire allo sviluppo della F2. Con quel marchio avremo grandi responsabilità ma troveremo la strada migliore».

LA MOTO2 2019

Il campionato iridato di Moto2 non vedrà al via i primi due classificati dello scorso anno: sia Pecco Bagnaia, il vincitore, sia il portoghese Miguel Oliveira sono “saliti” in MotoGp. Ci sarà invece il sudafricano Binder, terzo nel 2018, punta del Red Bull Ktm Ajo; le Kalex della squadra di Valentino Rossi invece (Sky VR46) saranno nelle mani del fratellastro del “Dottore”, Luca Marini, e di un altro italiano molto promettente, Nicolò Bulega. Tanti gli “azzurri” interessanti in questa categoria: ci sono anche i vari Baldassarri, Bastianini, Corsi, Locatelli e Di Giannantonio. Occhio a un altro “fratello d’arte” come Alex Marquez, quarto lo scorso anno e confermato sulla Kalex gestita dal team belga Marc VDS. L’esperto svizzero Thomas Lüthi e il britannico Sam Lowes, già visto in MotoGp, sono altri concorrenti che si candidano per un posto al sole.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 12 febbraio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore