“La Regione garantisca risorse certe per i disabili gravi”

Il consigliere del PD Astuti, dopo l'audizione in commissione del direttore Daverio, chiede che Regioni aumenti la propria quota di cofinanziamento

samuele astuti

La Regione garantisca risorse certe per i disabili gravi. A chiederlo, a seguito dell’audizione  chiesta dal Pd del direttore generale dell’assessorato alle politiche abitative e  disabilità,  Giovanni Daverio, che si è tenuta in Commissione sanità è il consigliere regionale  Samuele Astuti.

«In Lombardia- afferma Astuti- i disabili  gravi presi in carico  erano 10886 nel 2017, i gravissimi  6635, e il loro numero è in costante crescita,  mentre le risorse  non vanno di pari passo.  I fondi a loro destinati  ammontano a 85 milioni di euro, di cui solo 14 stanziati dalla Regione. La necessità, dunque, è quella  che la Lombardia aumenti, come fanno altre regioni, la propria quota di cofinanziamento per rispondere a un bisogno in costante crescita. Per questo, in occasione dell’assestamento di bilancio, chiederemo, con un emendamento, che siano stanziate risorse aggiuntive al fondo per la non autosufficienza». 

«La  necessità- continua Astuti- è quella di dare certezza e continuità  ai fondi, che già quest’anno non sono stati erogati per due mesi creando un grave disagio alle famiglie, già di per sé in condizioni di fragilità, che senza il contributo spesso non hanno  potuto pagare le assistenti famigliari indispensabili alla cura dei loro cari».

«Necessario – conclude Astuti – inoltre, semplificare le procedure di richiesta  del contributo che ad oggi sono  complicatissime e  penalizzano proprio chi ha meno strumenti di conoscenza. È inaccettabile che un disabile gravissimo che non ha evidenti possibilità di recupero debba certificare ogni anno il proprio stato».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore