Lavori sulla statale 394, eseguito quasi un quinto dell’opera

La consegna dei lavori è prevista per il 21 ottobre 2020. L'appello del Comune agli automobilisti: “Al semaforo, rispettate il rosso“

Avarie

Centoventi giorni e passa di lavori sulla strada del lago. Era il 17 ottobre 2019 quando partiva il grande cantiere di Anas che inaugurava un lavoro imponente di ristrutturazione – fra i più importanti di tutta la Lombardia – non senza polemiche legate prevalentemente a due fattori: la comunicazione (legata all’area di confine e per la quale intervenne anche il gruppo di lavoro della Regio Insubrica) e il transito, ora fermo alle 7,5 tonnellate in deroga per mezzi più pesanti autorizzati.

Un banco di prova che, salvo alcuni episodi che mandarono in tilt la circolazione (un paio di volte, tra cui un’infermale domenica pomeriggio a una decina di giorni dall’inaugurazione del cantiere), per il momento ha tenuto anche se la vera prova del fuoco, secondo gli amministratori sarà la primavera e l’accentuarsi del flusso turistico.

AVANZAMENTO – Dunque quattro mesi di lavori. Tradotto in termini di avanzamento dell’opera secondo Anas, il grande cantiere da 8 milioni e mezzo di euro è arrivato al 17,98 % di stato di avanzamento. Quasi un quinto dell’intera opera, insomma, che ha come tempi di ultimazione previsti il 21 ottobre 2020 (e non 2021 come erroneamente riportato in un primo momento). I lavori, come specificato nella fase preparatoria, si sviluppano su più lotti e vengono realizzati da Ati Civelli Costruzioni Srl e Consorzi stabile 3Emme – Mosconi srl.

COSA VIENE FATTO – I lavori riguardano la messa in sicurezza per la ricostruzione degli impalcati, in particolare della soletta e il ripristino strutturale dei calcestruzzi fortemente ammalorati fra il chilometro 37 e 38 e 100, di fatto fra i comuni di Luino e Maccagno con Pino e Veddasca.

RISPETTARE IL ROSSO – Il Comune di Maccagno con Pino e Veddasca ha in diverse occasioni fatto da intermediario fra le richieste delle aziende locali e dei residenti e le necessità dell’azienda nel voler effettuare i lavori. E propio il Comune sull’home page del suo sito ha aperto una apposita finestra informativa con gli utenti, specificando lo stato dei lavori, fornendo pure alcune indicazioni pratiche. “I lavori procedono secondo i programmi e si prolungano spesso anche nei giorni prefestivi. Considerati però alcuni episodi che si sono recentemente verificati, si raccomanda agli automobilisti l’assoluto rispetto dei cicli semaforici“, si legge sul sito del Comune.

“Il semplice comportamento di un solo conducente che, mosso dalla fretta, passa con il semaforo sul ‘rosso’, rischia di creare una serie di conseguenze a catena che rischiano di bloccare la circolazione. Questo invito deve valere per tutti e in ogni occasione“.

CANTIERE SULLA STATALE TUTTI GLI ARTICOLI

di
Pubblicato il 17 febbraio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carlo196

    Un dubbio: ma i lavori non dovevano terminare il 21/10/2020? Nell’articolo si parla del 21 ottobre 2021 che mi pare una esagerazione.

    1. Andrea Camurani
      Scritto da Andrea Camurani

      Sì Carlo ha ragione ci siamo sbagliati, il termine dei lavori previsto è per il 2020, grazie.

    2. Andrea Camurani
      Scritto da Andrea Camurani

      Buongiorno, i lavori in programma termineranno il 21 ottobre 2020, e non 2012 come erroneamente ripirtato nella prima versione dell’articolo. Grazie per la segnalazione, a presto

      1. Scritto da Forumista

        mi scusi, si è sempre parlato di 400 giorni a partire da ottobre 2019 (negli stessi articoli di varesenews) . La stessa ordinanza ANAS parla di ottobre 2020. Come si è arrivati ad Ottobre 2021? Spero ci sia un errore di scrittura dell’articolo.

        1. Andrea Camurani
          Scritto da Andrea Camurani

          Si ha ragione abbiamo corretto l’articolo, grazie

Segnala Errore