Campi estivi in Valle Olona, si parte

Variegate le proposte estive per i bambini in valle Olona, con la gioia di offrire uno spazio aggregativo ai più piccoli dopo mesi di quarantena, senza dimenticare la sicurezza

matite colorate bambini

Qualcosa è cambiato. In attesa di conoscere con esattezza le modalità organizzative che permetteranno la riapertura delle scuole a settembre, i più piccoli del territorio potranno re-immergersi nella socialità e nella condivisione, con l’attivazione dei campi estivi.
Una notizia attesa con impazienza dai genitori, preoccupati per gli effetti di questi mesi di isolamento sui loro figli.

Le recenti normative hanno svincolato gli enti esterni e le cooperative dall’obbligo di chiedere l’approvazione comunale prima di proporre soluzioni per i centri estivi: le Amministrazioni, insieme ad ATS, dovranno solo essere informate dei progetti in essere, ma potranno comunque partecipare con contributi economici e supportando gli operatori nella fase organizzativa.

I primi a partire sono stati gli organizzatori del Ma.Go. City camp che riunisce gestori di Gorla Maggiore e Marnate (Draghi Gorlazy, Pro giovani e Marnatese basket), che al Palagorla da ieri a fine luglio permetteranno ai bambini di vivere un’estate di sport e divertimento.

Sarà doppio l’appuntamento a Gorla Maggiore, dove oltre a questa iniziativa, sarà avviato da mercoledì 17 giugno anche l’oratorio estivo, uno dei pochi del territorio ad essersi organizzato per garantire lo svolgimento delle attività oratoriali estive come tutti gli anni. Una grande novità saranno i kit di sicurezza anticontagio prodotti dalle aziende del paese su input dell’Amministrazione gorlese: ogni kit conterrà mascherine protettive, gel e visiere, così da tutelare la sicurezza dei bambini che si iscriveranno ai campus.

A Gornate Olona saranno solo i più piccoli a usufruire dei campi estivi: al bando hanno aderito soltanto le famiglie dei bambini delle scuole elementari, per i quali sono state sistemate due aule, dove una quindicina di iscritti – suddivisi in due gruppi – potranno trascorrere del tempo insieme, sfruttando anche il parco adiacente.

A Gorla Minore il centro estivo sarà affidato a una cooperativa esterna che gestirà gli iscritti suddivisi per fascia d’età (scuole materne/elementari/medie); per i bambini da 0 a 3anni le iniziative sono in fase di progettazione. Le attività ludiche pianificate si svolgeranno negli oratori di Gorla e Prospiano, grazie alla disponibilità della Parrocchia che ha messo a disposizione i propri spazi. L’Amministrazione contribuirà con un contribuito messo a bilancio per diminuire i costi a carico delle famiglie.

Dopo il questionario lanciato dal Comune e la risposta positiva delle famiglie,  è tutto pronto anche a Cairate per “Summerlife”, il campo estivo che coinvolgerà bimbi e giovani cairatesi dal 22 giugno al 31 luglio e si svolgerà nelle scuole del territorio e in oratorio. L’amministrazione ha lavorato per proporre costi di adesione ridotti per far fronte alle necessità dei cittadini e studiato scontistiche in caso di più figli da iscrivere.

Variegata l’offerta a Marnate, dove oltre alla partecipazione al Ma.Go. City camp, le famiglie potranno scegliere fra il Marnate Sport Camp, lo Sport camp della cooperativa Mondodomani e le proposte degli asili del territorio: iniziative differenti, ma tutte volte a impreziosire la quotidianità dei più piccoli durante questi mesi estivi.

Olgiate Olona sta lavorando da tempo per permettere ai bambini del territorio di avere spazi aggregativi per le prossime settimane di vacanza, con la volontà di garantire il ripristino di quella socialità negata a lungo.

Stesso discorso a Solbiate Olona, dove l’Amministrazione comunale sta dialogando con gli enti organizzatori in modo da supportare la soluzione più opportuna per il territorio e per le fasce di popolazione più giovani.

A Castellanza diverse le possibilità: quelle offerte dalle scuole Pomini, Cantoni e Montessori, che propongono campi estivi nelle loro sedi, Knights e Virtus Carroccio presso il Palaborsani, presente il progetto della cooperativa la banda alla Corte del Ciliegio ed infine si sta cercando di individuare un gestore esterno per gli spazi all’interno della scuola Leonardo Da Vinci. Differenti ipotesi per le famiglie del territorio pensando ai bambini e alle loro necessità.

Per l’estate a Fagnano Olona saranno messi a disposizione due plessi scolastici, dove gli enti gestori potranno contare su spazi all’interno ed aree esterne nelle quali distribuire le attività giornaliere previste. E’ quindi aperto un confronto con le cooperative del territorio ed enti privati affinché siano delineati i dettagli organizzativi sui programmi estivi.

Centri estivi partiti, già in movimento o ancora in fase valutativa, quindi: i comuni del territorio mostrano di avere a cuore il benessere dei più piccoli, dialogando con gli enti che proporranno le soluzioni più opportune per ciascun paese.
Le Amministrazioni restano presenti, con la volontà di supportare – anche economicamente – le famiglie. Dall’Azienda Consortile del Medio Olona, inoltre, arriveranno dei fondi da destinare a questi progetti aggregativi, grazie al protocollo firmato dai comuni aderenti. Attenzione rivolta alla parte economica, quindi, ma anche alla sicurezza, punto inderogabile di ogni campus e fondamentale in questa nuova fase di post-quarantena.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 16 giugno 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore