“Rispettare il Tricolore e difendere l’unità nazionale”

Anche Luino ha celebrato il 4 novembre, Festa dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate

Domenica 4 novembre Luino ha celebrato la Festa dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate con la Santa Messa delle ore 10.30 in Chiesa Prespositurale. Successivamente la cerimonia è proseguita presso il municipio. «Dobbiamo amare l’Italia, rispettarne i simboli come il Tricolore e difendere l’Unità della Nazione contro ogni spinta secessionistica – ha detto in consigliere comunale Alessandro Franzetti nel suo discorso ufficiale -. L’Italia è una grande Patria che deve tornare a essere grande nel contesto dell’ Unione Europea, della quale siamo tra i fondatori. Non c’è futuro senza o fuori dall’Europa. Quindi dico soprattutto ai giovani ma in generale a tutti i cittadini: festeggiamo il 4 novembre, il 25 aprile e il 2 giugno: sono le date simbolo dell’ Italia. Non dimentichiamoci mai che la Libertà che oggi noi diamo per scontata è frutto di eroi come Antonio Bergamas e Armando Chirola e anche dei partigiani che insieme agli alleati liberarono il nostro Paese dall’ occupazione nazi-fascista».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Novembre 2012
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.