A Villa Cortese non riesce l’impresa

Asystel MC-Carnaghi sconfitta in casa per 1-3 dall’Eczacibasi nell’andata dei playoff di Champions: tanto cuore, troppi errori in difesa e in ricezione. Ritorno in Turchia giovedì 24 gennaio

È un Villa Cortese che esalta e fa disperare quello che si arrende in quattro set all’Eczacibasi Istanbul nell’andata dei playoff a 12 di Champions League, dopo essere andato vicinissimo a intralciare il cammino della corazzata turca. L’esaltazione deriva dall’impegno e dalla grinta che le ragazze in maglia biancoblu mettono su ogni pallone, fino a portare a termine un’entusiasmante rimonta dal 14-20 nel terzo set; la disperazione, dai banali errori e dalle disattenzioni che rovinano quello sforzo, lasciando rotolare a terra, tra reciproci sguardi delle giocatrici, troppi palloni inoffensivi. Alla fine, se si guarda ai numeri, la partita va proprio come previsto: la MC-Carnaghi vince l’unico set in cui riesce a pungere a muro (ben 7 punti), mentre nel resto del match è fin troppo efficace in attacco considerata la serata difficile della ricezione, ferma al 16% di perfezione. Emblematica la prova di Klineman, che chiude con 23 punti, il 49% offensivo e un tremendo 25% di positività su 28 palloni ricevuti.
Una cosa è certa: per lunghi tratti le biancoblu sono al livello dell’Eczacibasi, costretto a cambiare in corsa inserendo Karakoyun in palleggio e a momenti, a sua volta, ballerino in ricezione. La differenza sta nel talento che la squadra di Micelli sa sfoderare al momento opportuno (vedi alle voci Poljak e Sokolova) e, soprattutto, nelle troppe ingenuità commesse dalle cortesine. Limate queste, sarebbe più facile tentare quella che, in vista del ritorno a Istanbul di giovedì 24 gennaio, si annuncia come una “mission impossible”.

Galleria fotografica

Villa Cortese - Eczacibasi 4 di 23

LA PARTITA – Per la trasferta al PalaBorsani, Lorenzo Micelli sceglie la formazione migliore, con Cemberci opposta a Darnel, Cansu e Poljak al centro, Sokolova e Usic bande e Kuzubasioglu libero. Nelle file di Villa Cortese torna titolare Folie per la prima volta dopo l’infortunio.
In avvio si intravede subito uno dei possibili temi della partita: Sokolova “punta” Parrocchiale con la battuta e propizia l’immediato 0-3. Villa però risponde con la stessa moneta e dai nove metri Bosetti fa male a Usic: sul suo turno di servizio arriva il sorpasso (7-6). Klineman è bravissima a indovinare la traiettoria vincente del 9-7 e poi pesca anche un ace (12-10) che costringe le turche al time out. Due bombe di Darnel riportano avanti l’Eczacibasi (13-14), e appena dopo il time out tecnico un errore in attacco di Klineman – il primo – vale il 15-17; la MC-Carnaghi non molla e sul servizio di Rondon sono Veljkovic e Klineman a finalizzare per il 20-19. Finale in volata: Veljkovic sbaglia il “rigore” del 20-22, Usic sigla il 22-24 tra le proteste del pubblico per un probabile tocco doppio e Poljak trasforma il secondo set point, dopo che Bosetti aveva annullato il primo.

In avvio di secondo set è protagonista ancora Caterina, nel bene e nel male: incanta con un paio di colpi spettacolari, ma soffre in ricezione e permette a Sokolova di firmare il 5-7. Reazione immediata di Villa, che con Folie e un muro di Klineman si porta sul 10-8; Micelli ferma il gioco, ma sempre a muro sale in cattedra Barun, che ne firma tre per il 14-10. L’Eczacibasi perde la testa e subisce oltremisura il servizio di Klineman (un ace): alla fine il parziale è addirittura di 8-1 per la squadra di casa, che vola sul 18-10. Un vantaggio non facile da gestire per le biancoblu, che subiscono due ace di Darnel e Usic e vedono riavvicinarsi pericolosamente le avversarie, guidate da Sokolova (20-17). Barun alleggerisce la pressione per il 22-19 e Klineman si supera in attacco (24-20): Veljkovic, dopo un set point annullato, riporta in parità il conto dei set.

Per il terzo parziale l’Eczacibasi conferma la palleggiatrice Karakoyun al posto di Cemberci. In avvio si scatena Poljak (4 punti per il 4-6) ma il break è opera di Darnel e Sokolova, che costringono Villa al time out sul 6-10. Caprara getta nella mischia Mojica che lo ripaga con un ace (9-12), ma le biancoblu faticano troppo in difesa e ricostruzione e subiscono il 10-15 di Poljak. Sokolova è sontuosa in attacco per il 14-20, Villa torna a credere nella rimonta grazie al solito servizio di Rondon (17-21) e a Veljkovic (19-22); tre errori consecutivi delle ospiti e un ace di Veljkovic coronano l’incredibile rincorsa sul 23-23. Bosetti annulla un set point, se ne procura uno a sua volta (25-24) ma se lo vede cancellare dal muro di Cansu. Si continua a oltranza con altre due chance per parte, finché l’errore di Barun gela il PalaBorsani per il 29-31.

Il contraccolpo psicologico si fa sentire e l’Asystel apre il quarto set con un eloquente 0-4; Malagurski entra per Barun e viene subito murata (2-6), ma si fa perdonare con un buon turno di battuta che riporta sotto Villa sul 6-8. Il resto lo fa Bosetti, autrice di due ace per il 9-9. La parità resiste fino all’ace del 12-14, poi è Poljak a firmare un altro servizio vincente (13-16) e in men che non si dica, come nel set precedente, Sokolova mette giù il 14-20. Stavolta è davvero troppo tardi per rientrare in partita: Cansu piazza l’ace del 17-23 e l’implacabile Poljak chiude con due punti di fila.

LE INTERVISTE – “Siamo contente perché abbiamo dimostrato di poter giocare alla pari con loro. Ci è mancato pochissimo per vincere il terzo set e da lì la partita è girata”. La sintesi, lucidissima, è di Alix Klineman, che sa bene anche cosa non ha funzionato nella sua squadra: “La mia ricezione non è andata come avrei voluto, loro sono state molto aggressive in battuta e dobbiamo assolutamente trovare le contromisure. Ma sono fiduciosa ed emozionata in vista del viaggio a Istanbul, perché penso che possiamo farcela”. Più prudente Gianni Caprara, che comunque butta lì con nonchalance un riferimento alla direzione di gara non proprio soddisfacente della coppia austro-cipriota: “Il primo set è stato condizionato da due errori arbitrali, altrimenti il risultato sarebbe stato ribaltato; nel terzo, più dei comprensibili passaggi a vuoto nel finale, hanno pesato le disattenzioni nella parte centrale. Solo il quarto set non mi è piaciuto, non abbiamo mostrato lo stesso carattere degli altri”. Ma come si spiegano tante incertezze in ricostruzione? “Per essere continui dal punto di vista mentale ci vuole più fiducia nei nostri mezzi, e quella la conquisti solo vincendo”. E per la gara di ritorno Caprara vorrebbe ancora uno sforzo dalla società: “Con un giocatore in più avremmo maggiori chance anche in Turchia”.
Solo parole dolci, infine, per Lorenzo Micelli: “Villa Cortese è una squadra bellissima da allenare e allenata molto bene, proprio come Busto Arsizio; me la aspettavo così competitiva, anche perché, in queste partite delicate dal punto di vista emotivo, difficilmente viene fuori tutto il divario tra le squadre. Anche il livello tecnico del campionato italiano è ancora molto alto, mancano solo i top player che però di certo fanno comodo: questa è indubbiamente la squadra più forte che io abbia mai allenato”.

Asystel MC-Carnaghi Villa Cortese-Eczacibasi Vitra Istanbul 1-3 (23-25, 25-21, 29-31, 17-25)
Villa C.: Malagurski 2, Viganò, Mojica 1, Nomikou ne, Klineman 23, Folie 10, Veljkovic 8, Garzaro ne, Barun 12, Bosetti 18, Parrocchiale (L), Rondon 1. All. Caprara.
Eczacibasi: Usic 16, Kuzubasioglu (L), Petrovic ne, Sokolova 16, Kayacan (L), Karakoyun 1, Cansu 9, Cemberci, Gümüs, Yilmaz ne, Darnel 26, Poljak 16. All. Micelli.
Arbitri: Isajlovic (Austria) e Evgeniou (Cipro).
Note: Spettatori 1070. Villa: battute vincenti 10, battute sbagliate 10, attacco 38%, ricezione 51%-16%, muri 12, errori 18. Eczacibasi: battute vincenti 11, battute sbagliate 7, attacco 42%, ricezione 59%-31%, muri 11, errori 19.

Playoff a 12
Racing Club Cannes-Rabita Baku 1-3 (17-25, 25-15, 19-25, 18-25) ritorno gio 24/1 ore 14
Dinamo Mosca-Dinamo Kazan 1-3 (22-25, 21-25, 28-26, 21-25) ritorno mer 23/1 ore 16
Asystel MC-Carnaghi Villa Cortese-Eczacibasi Vitra Istanbul 1-3 (23-25, 25-21, 29-31, 17-25) ritorno gio 24/1 ore 15.30
Atom Trefl Sopot-Vakifbank Istanbul 1-3 (25-23, 18-25, 15-25, 21-25) ritorno gio 24/1 ore 18.30
Schweriner SC-Unendo Yamamay Busto Arsizio 3-2 (11-25, 25-22, 25-17, 13-25, 15-13) ritorno gio 24/1 ore 20.30
Azerrail Baku-Lokomotiv Baku 3-0 (25-20, 25-21, 25-22) ritorno mer 23/1 ore 15

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Villa Cortese - Eczacibasi 4 di 23

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.