Summer school in Cina, la seconda settimana

Il racconto dei ragazzi che stanno partecipando alla summer school dell'università Cattaneo di Castellanza tra monumenti, grandi aziende e lezioni di cinese

Quello che vi proponiamo è la seconda settimana del viaggio in Cina degli studenti della Liuc nell’ambito del progetto Summer School. Leggi qui la prima settimana

Galleria fotografica

Summer school in Cina 4 di 8

Mercoledì 24/07/2013
Dopo una sveglia rocambolesca (un po’ come tutte le mattine), subito in classe. Lezione sul Logistic Management molto interessante (la Logistica al giorno d’oggi è sempre rilevante, soprattutto in Cina, date le sue enormi dimensioni, ovverosia circa 4 volte l’Europa Continentale), il Pofessor Song Bigliang si è dimostrato molto preparato, chiaro e coinvolgente. Unica nota dolente il caldo che anche di primo mattino toglie il fiato. Lezione più lunga del solito, fino alle 13 invece delle 12.30. Break fino alle 16 passato o a rilassarsi o a lavorare sull’ assignment. La gita "aziendale" odierna ha riguardato una realtà contadina locale, durante la quale abbiamo passeggiato lungo piccoli appezzamenti terrieri davanti allo stupore dei contadini (in Cina la proprietà agricola privata non esiste, lo Stato concede in usufrutto decennale o pluri-decennale le terre ai contadini che ne facciano richiesta). Alla fine della passeggiata abbiamo cenato sul posto; menu del giorno: riso con carne di maiale e verze, che, malgrado l’aspetto non dei più invitanti, non era affatto male. Durante il tragitto un simpatico bambino giocava con la palla.

Ritornati in albergo circa alle 19.05, per pochi fortunati non c’è stato neanche il tempo di una doccia, dato che alle 19.30 hanno preso chi un taxi chi la metro per raggiungere un ottimo ristorante Sichuan (tipologia di cucina cinese abbastanza piccante) nel quartiere francese. Lì hanno cenato con il Dott. Saro Cappelletti, fondatore di Jesa (società di consulenza, il cui Core Business è supportare le imprese straniere a entrare nel mercato cinese anche delocalizzando la produzione). Il Dott. Cappelletti era in compagnia di due stagiste e di un Manager di un azienda italiana operante in Cina, il quale, conoscendo in maniera molto approfondita il mercato locale, ha fornito molti consigli utili e ha risposto pazientemente a tutte le nostre domande. Dopo i saluti di rito, circa per le 22.30, si sono diretti nuovamente in albergo. Al nostro ritorno molti ragazzi, che non hanno partecipato alla cena, stavano ancora lavorando sull’assignment.
Circa all’una, 7/8 instancabili hanno avuto la forza di uscire, direzione Mint (discoteca locale). Bella serata, molto occidentale. Una volta rientrati, alle 4.30/5 del mattino, c’è stato giusto il tempo di prendere le valigie e di prepararsi al fine di non perdere il pullman, che è partito alle 5.45 in direzione della stazione ferroviaria di Hongqiao. Sul pullman molte facce fresche e rilassate, scalpitanti all’idea di andare a Beijing (Pechino).

Giovedì 25/07/2013
Nihao,

oggi partenza per la vecchia Pechino, sveglia alle ore 5. Ritrovo previsto per le 5.30 nella hall, dove ci aspettava il pullman per portarci alla stazione di HongQiao di Shanghai.
Partenza ore 5.45, arrivo in stazione alle ore 6.45 e partenza per TianjinNan alle 7.10, chiaramente in perfetta puntualitá! Arrivati puntualissimi alla stazione di TianjinNan, prendiamo il pullman per andare a visitare l’azienda Tenova, ma nel tragitto vi é un piccolo inconveniente… C’è un ponte alto 2,5 m, il pullman nel quale viaggiamo è 3 m… Inversione a U e cambiamo tragitto.
Nel nuovo tragitto vi è lo stesso problema… Un ponte, questa volta alto 3 m, ci impedisce di proseguire, l’autista impavido del pericolo tenta il tutto per tutto e prova a passare sotto, ma con scarsi risultati, tanto da essere costretti a chiamare tre piccoli pulmini così da poter arrivare alla fabbrica. 
Finalmente arrivati alla Tenova, ci hanno accolti con della pizza e della frutta fresca! Ad accoglierci è stato il general manager, made in Liuc, che ci ha fatto una breve introduzione sull’evoluzione della Tenova e ci ha spiegato in breve cosa essa fa! 
Inoltre abbiamo avuto la possibilità di entrare nel reparto workshop, dove abbiamo visto gli operai a lavoro e ci sono state spiegate le varie fasi della lavorazione.
Successivamente ci siamo recati alla stazione di TianjinNan per prendere il treno verso Pechino, nella quale durante l’attesa abbiamo assistito al match Napoli vs PSG, terminata con un’ottima prestazione del Napoli e un immeritato pareggio del PSG… Partenza come al solito puntualissima!
Una volta arrivati alla stazione di Pechino, abbiamo preso diversi taxi per raggiungere l’hotel… Hotel bello ed accogliente! Li ci siamo sistemati e siamo usciti per cena… I ragazzi andati al mercato in centro hanno avuto l’onore di provare carne di serpente e scorpioni fritti… Una prelibatezza!!!  Post serata tranquillo, passeggiata verso la piazza di Tienanmen e via a letto per ricaricare le energie per il giorno dopo… Visita al summer palace e muraglia cinese… Non vediamo l’ora!!!

Venerdì 26/07/2013
Ieri sera serata libera ed alcuni hano deciso di andare a vedere il parco olimpico con "The Nest" e "The Water cube". Oggi  invece partenza già alle 7.30 in direzione grande muraglia, siamo tutti molto stanchi ma le fatiche sono ripagate. Dopo circa due ore di viaggio siamo arrivati alla grande muraglia accompagnati dalla nostra guida. Prendiamo la funivia per salire in cima alla muraglia; poi alcuni di noi guidati dal professor Buonanno decidono di salire ancora più in alto a piedi mentre altri più pigri si affiancano al professor Astuti per una visita un po’ più soft.
La vista è splendida e la muraglia veramente spettacolare peccato che piove un po’.
Finito il tour scendiamo con la funivia e subito veniamo circondati dai venditori di souvenir con i quali è d’obbligo contrattare il prezzo di ogni cosa (ventagli,magliette,kimono e altro).
Assetati e soprattutto affamati ci precipitiamo da subway per un panino mentre altri preferiscono gelato o frutta.
Nel pomeriggio visitiamo il Summer palace YiheYuan dove gli imperatori vivevano nei mesi più caldi. Noi visitiamo il giardino che costeggia il lago Kunming mentre la nostra guida ci racconta aneddoti sui vari imperatori e imperatrici. Finita la visita alcuni di noi, seguendo l’esempio del professor Astuti si godono una fantastica viennetta gelato che ancora non abbiamo capito se sia della Algida veramente o sia un fake Algida.
Per cena ci siamo recati al ristorante He Ping Meng Duck dove, dopo circa 40 minuti di attesa, abbiamo potuto gustare una vasta gamma di piatti a base di anatra, tipico piatto Pechinese.

Sabato 27/07/2013
Buongiorno dalla grande capitale BEIJING!
Oggi giornata davvero impegnativa e veramente ricca di emozioni davanti alla grandezza dei monumenti di questa città dal profumo imperiale.  La giornata inizia con la sveglia alle 7.30 una colazione rapida e alle 8.15 ritrovo nella hall dell’hotel per andare alla scoperta della maestosa Città Proibita. Ci rechiamo alla fermata del pullman pubblico, intorno alle ore 8.30 e con questo ci siamo recati a Piazza Tienanmen, dove siamo arrivati circa alle ore 9.00. Purtroppo appena scesi dal pullman ha iniziato a piovere, quindi diciamo che lo splendore della città e i suoi colori opulenti sono stati oscurati dal grigiore della pioggia, questo però di certo non ha ostacolato la nostra voglia di conoscere questa città così misteriosa.
Da Piazza Tienanmen ci rechiamo all’interno della Città Proibita. La prima sensazione che ho provato entrando dall’androne è stata la vastità e l’immensità di quella che é una città imperiale e da sempre dominata da un forte potere politico.
La Città Proibita fu il palazzo imperiale delle dinastie Ming e Qing. Per quasi 500 anni, ha servito come abitazione degli imperatori e delle loro famiglie, così come centro cerimoniale e politico del governo cinese. Costruita tra il 1406 e il 1420, il complesso è composto di 980 edifici divisi in 8.707 camere e copre 720.000 m² che ne fa "il più grande palazzo del mondo". Il complesso del palazzo esemplifica la sontuosa architettura tradizionale cinese, ed ha influenzato gli sviluppi culturali e architettonici dell’Asia orientale.
Abbiamo poi proseguito uscendo dalla città proibita, tramite Taxi fino al Temple of Heaven, verso le ore 12.30. Prima di recarci all’interno del parco abbiamo fatto una sosta sempre nei dintorni del tempio per pranzare, ognuno in posti diversi, anche se per la maggior parte abbiamo mangiato nei diversi fast food, chi da MC, chi da KFC, chi da SubWay.
Alle 14.30 era fissato il ritrovo per entrare all’interno dei giardini del Temple of Heaven. Una volta radunata tutta la comitiva ci siamo recati alla biglietteria e con l’aggiunta di soli 20 Rmb alcuni di noi hanno deciso di approfondire la visita anche all’interno del tempio e devo dire che senza dubbio sono stati soldi ben spesi. 
Appena entrati nel parco ci siamo addentrati per il lungo viale alberato che fa da ingresso al bellissimo tempio. Nell’avvicinarci al tempio abbiamo percorso un tragitto sotto dei portici chiaramente molto colorati come qualsiasi monumento cinese, e proprio qui sotto abbiamo assistito a tipiche usanze cinesi, partendo dal gioco del Majong e continuando con gioco delle carte, per poi passare ai canti corali. Tutto molto folcloristico e divertente.
Dopo aver percorso tutto il porticato finalmente arriviamo all’ingresso del Temple. Dove alcuni di noi hanno proseguito la visita all’interno del tempio. Il tempio ha una forma arrotondata, e si trova rialzato da una base arrotondata contornata da scalinate che danno l’idea della grandezza dell’arte cinese. Tutto veramente maestoso e molto molto bello.
Con questa seconda visita è terminata intorno alle ore 16.00 la nostra giornata alla scoperta dei monumenti della grande perla d’Oriente.
Il pomeriggio è continuato all’insegna dello shopping in un mercato tipico cinese, che si trova nei limitrofi del tempio. Qui abbiamo fatto acquisti di vario genere, da cover per iPhone, a cuffie e casse Beats, senza dimenticare gli immancabili kimono e chiaramente le magliette ricordo con panda e scritte I <3 BJ. Alcuni di noi verso le 17.00 però hanno preferito dedicare tempo al riposo e all’assignement e quindi tornare in hotel, altri invece divertiti dalla continua possibilità di contrattare si sono trattenuti al mercato e continuato con gli acquisti. 
Gli ultimi di noi sono rientrati in hotel verso le 19.00.
Per la cena il gruppo ancora una volta ha preso decisioni differenti, c’é chi è andato con i professori presso Beihai Park al ristorante vietnamita, altri invece sono andati a cena al ristorante italiano dell’hotel e poi verso le 10.30 si sono anch’essi recati a Beihai. Qui si trovano numerosi locali con musica live, negozietti che vendono souvenirs vari e ristoranti molto belli, tutti affacciati sul lungolago chiaramente. E ora all’alba delle 3.00 del mattino vi auguro una splendida Buonanotte, la mia dopo una giornata così intensa sará davvero buona :)

Zàijiàn

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 30 Luglio 2013
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Summer school in Cina 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.