Ferrazzi chiede un libretto per verificare la salute degli studenti

Il consigliere lombardo ha depositato una mozione per chiedere l'introduzione di un libretto sanitario per studenti e operatori alimentari a causa dell'aumento di malattie infettive come Aids o Tbc

Luca Ferrazzi – Consigliere Regionale del Gruppo Maroni Presidente e Presidente della VII Commissione Cultura, Istruzione, Formazione Comunicazione e Sport – ha oggi depositato una mozione in cui chiede alla Giunta di valutare il ripristino del libretto e delle cartelle sanitarie individuali degli studenti.
 
In Italia, a causa del forte flusso migratorio, negli ultimi anni si è registrato un notevole aumento della diffusione di malattie infettive che si credevano debellate o sotto controllo, quali tubercolosi, scabbia, AIDS, epatiti virali, meningiti ecc…, così come riportato anche da numerosi organi di stampa.
«Per quanto riguarda la diffusione della Tbc – spiega Ferrazzi – i dati ufficiali più recenti del Ministero della Salute, risalenti al 2008, hanno evidenziato che il 73% dei casi proviene dalle Regioni del Nord e che le sole province di Milano e Roma totalizzano il 25% dei casi notificati a livello nazionale. A questo si deve aggiungere che – precisa Ferrazzi – a seguito della presenza di numerose persone clandestine, le patologie non vengono denunciate e conseguentemente neppure censite, quindi la situazione è sicuramente più critica rispetto a quella indicata dai numeri ufficiali. Come riportato da numerose testate giornalistiche, negli ultimi mesi in Lombardia sono numerosi i casi di contagio di malattie infettive come AIDS, scabbia e tbc multi resistente. Tenuto conto che i luoghi più a rischio di contagio sono le istituzioni scolastiche, tutti i luoghi in cui si vive vita di comunità e le attività di preparazione e somministrazione di cibi e bevande, con la mozione che ho presentato – prosegue Ferrazzi – si chiede maggior rigore nei controlli con il ripristino del libretto sanitario e delle cartelle sanitarie individuali degli studenti.
È impensabile che chi opera in una istituzione scolastica o chi manipola sostanze alimentari non venga sottoposto ad alcun accertamento sanitario: la prevenzione, il controllo ed il monitoraggio finalizzati alla tutela della salute – conclude Ferrazzi – non devono sottostare ad apparenti logiche di risparmio».

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Gennaio 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.