Troppi animali selvatici. Un rischio per gli automobilisti

Un altro incidente sulla provinciale che collega Vergiate a Besozzo causato da un branco di cinghiali. Qualche anno fa uno studio dell'Università dell'Insubria rivelava che la presenza di cervi è pari a quella che c'era nel medioevo

Gli animali selvatici sono diventati un problema per la sicurezza degli automobilisti. Il problema è il costante aumento di cinghiali, cervi e caprioli che soprattutto in questa stagione scendono a valle per cercare cibo. Già nel 2006  uno studio dell’Università dell’Insubria rivelava che in Italia c’erano tanti animali selvatici, soprattutto ungulati, quanti nel medioevo. Per quanto riguarda i cinghiali a gennaio di quest’anno i responsabili del Parco del Ticino avevano lanciato l’allarme: troppi animali presenti. E così è scattata la caccia selettiva che ha portato all’abbattimento di oltre 300 capi nel giro di due mesi, animali che sono finiti sulle tavole dei poveri.
A Brezzo di Bedero nel 2012 gruppi di cinghiali avevano fatto raid devastanti nel parco, dove giocano i bambini, e nel presepe del paese. 
La presenza e la convivenza con gli animali selvatici è stata affrontata anche a livello regionale. La Regione Lombardia qualche anno fa convocò un vertice  per definire una serie di misure proprio contro i cinghiali che non solo devastano campi e coltivazioni ma mettono a rischio  la sicurezza delle strade, come è accaduto oggi, 23 novembre, sulla superstrada che collega Vergiate a Besozzo. Il piano puntava sul controllo delle popolazioni, prevenzione dei danni e risarcimenti. In quell’occasione fu proposta anche la schedatura genetica degli animali. 


Guarda il video della caccia al cinghiale

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Novembre 2014
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.