Poste e medico di base, il quartiere Ronchi chiede attenzione

La zona residenziale sulla collina ha perso alcuni servizi, i residenti chiedono un intervento. «È un rione con numerose persone anziane»

Crenna, Moriggia, Ronchi a Gallarate: i luoghi  (inserita in galleria)

Il quartiere dei Ronchi è rimasto senza servizi. A lanciare la mobilitazione sono alcuni residenti del rione alla periferia della città: una zona molto verde, fatta di palazzi sulle strade centrali (via Sciesa e via Padre Lega), alcune vecchie cascine su via Montello (nella foto) e molte villette nei dintorni, considerata un posto con buona qualità di vita.

Una zona residenziale creata fuori dal centro della città, che però ora inizia a scontare la mancanza di alcuni servizi: non c’è un ufficio postale (i più vicini sono nel quartiere Crenna, al di là della ferrovia, e in centro a Cardano al Campo), non c’è un medico di base, non c’è neppure uno sportello del bancomat. «Se necessario faremo una raccolta firme per portare all’attenzione queste necessità, essendo anche un rione con numerose persone anziane la cui mobilità è resa difficile» spiegano i residenti promotori.

Fa eco alla protesta anche il consigliere di minoranza Germano Dall’Igna (Forza Italia), che chiede «più attenzione per le periferie»,  pur riconoscendo che si parla di servizi «non di competenza comunale», almeno non direttamente.

Di una questione in particolare VareseNews si era già occupata nei mesi passati: si parlava del medico di base, dopo la scomparsa del dottor Salvo Annunziata, che aveva il suo studio nel rione (che pure ospita anche il centro comunale di servizi socio-assistenziali, il Camelot). In quel caso l’ente competente era l’Asl, che stava attivando le procedure per due posti vacanti nell’ambito gallaratese (clicca qui per l’articolo)

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 16 aprile 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore