Un milione di euro per il piano per il diritto allo studio

Il documento, illustrato dall’Assessore Andrea Botta, è stato approvato da tutto il Consiglio Comunale

Folla al consiglio comunale di Tradate (inserita in galleria)

Un milione di euro per il prossimo piano per il diritto allo studio. Il provvedimento, illustrato dall’Assessore Andrea Botta, è stato approvato dal Consiglio Comunale del 19 Dicembre, con voto unanime di tutti i Consiglieri.

«Condivisione è stata e continua ad essere anche la parola d’ordine anche per il piano a sostegno del diritto allo studio di quest’anno, piano che si fonda sulla collaborazione di tutte le componenti del mondo della scuola di Tradate – spiegano dall’amministrazione comunale -. Un Piano di Diritto allo studio in linea di continuità con i precedenti. Un Piano che da stabilità a un mondo, dentro e fuori le aule, in continua e complessa evoluzione. Un Piano che tende a rimuovere ogni ostacolo per garantire a tutti gli studenti pari opportunità, prevenendo insuccessi e degrado sociale».

Un documento di 40 pagine redatto dal Responsabile dei Servizi Educativi, Giorgio Colombo, e che contiene diversi progetti sintesi del lavoro coordinato con la dirigenza Scolastica dell’Istituto Comprensivo.

«Pensiamo anche quest’anno di aver soddisfatto il mandato ricevuto di realizzare un Piano formativo ed economico che tenda a soddisfare i bisogni di una educazione su misura e che punti sui valori condivisi alla base della nostra socialità e del nostro vivere quotidiano – sostiene l’Assessore alla Pubblica Istruzione Andrea Botta –. Lo abbiamo fatto coscienti di uno scenario educativo che è diventato estremamente complesso, dove la scuola è chiamata sempre di più ad una domanda che comprende insieme necessità di apprendimento e di ‘saper stare al mondo’, con l’inevitabile apertura a delicate dimensioni dell’educazione”.
Uno scenario che costringe ad una faticosa e sempre nuova costruzione della non più scontata interazione tra famiglia e scuola, tra scuola e istituzione, in cui tocca a ciascuno, per il proprio ruolo, esplicitare e condividere i comuni intenti educativi».

Cosa contiene il piano? «Confermati anche per l’anno scolastico 2015/2016 i servizi di base (ovvero il trasporto scolastico, l’assistenza agli alunni disabili, il trasporto scolastico) offerti dall’Amministrazione locale agli studenti della città – spiegano dal Comune -. Linea di continuità è stata seguita nella collaborazione con le scuole paritarie dell’infanzia, nel sostegno a numerosi progetti educativi  (dalla promozione alla lettura in collaborazione con la Biblioteca comunale, all’educazione stradale in collaborazione con la Polizia Locale, l’educazione alla pace e solidarietà, alla promozione del volontariato, dalla promozione del progetto “Io sono Galileo” da svolgere presso l’Osservatorio Astronomico, alla collaborazione con l’Associazione il Bacco, per un progetto sul tema dell’agricoltura e della cura del vigneto didattico, ad attività di teatro. Non mancano sostegni alla promozione sportiva in collaborazione con le Associazioni di Tradate, e l’organizzazione di un grande Festival sempre sui temi dell’agricoltura e della salvaguardia del territorio da realizzare con tutte le Scuole della Città»

Manuel Sgarella
manuel.sgarella@varesenews.it

 

Raccontiamo storie. Lo facciamo con passione, ascoltando le persone e le loro necessità. Cerchiamo sempre un confronto per poter crescere. Per farlo insieme a noi, abbonati a VareseNews. 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 21 Dicembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.