Rubarono 240 mila euro di gioielli a Capello e signora, chiuse le indagini

Il furto avvenne a Malpensa nell'estate del 2017. L'allenatore e la moglie dimenticarono un trolley carico di gioielli sul marciapiede

fabio capello

Sono stati rinviati a giudizio i quattro responsabili del furto ai danni di Fabio Capello, ex-allenatore di grandi club come Milan, Roma e Real Madrid. Il furto risale al giugno del 2017 quando, insieme alla moglie, atterrò allo scalo di Malpensa e dimenticò uno dei trolley sul marciapiede all’esterno del T1. All’interno c’erano gioielli per 240 mila euro.

La valigia era stata adocchiata da un dipendente di uno dei parcheggi dell’aeroporto che subitò la caricò sull’auto del suo titolare. Una volta giunti nella sede del parking la aprirono e scoprirono una specie di tesoro fatto di collane di perle, anelli con rubini, iphone, apple watch, coralli e orecchini.

Il contenuto venne immediatamente immesso nel circuito della ricettazione e sparì in pochissimo tempo. Capello si accorse della valogia mancante solo una volta giunto a destinazione, provò a recuperarla chiamando l’aeroporto ma senza successo. Da lì scattò la denuncia, vista anche la mole di preziosi che conteneva.

Le indagini sono state portate avanti nei mesi successivi dal sostituto procuratore Nadia Calcaterra che ha individuato i due ladri e i due ricettatori e ora ha chiuso le indagini. Con tutta probabilità chiederà il rinvio a giudizio per i tutti e quattro gli indagati.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore