Astuti: “Fusione degli ospedali: fatta ma non pensata”

Nel corso dell'incontro svoltosi in municipio con il direttore dell'Asst Valle Olona, il consigliere regionale e i due consiglieri comunali hanno evidenziato i problemi

nuovo ospedale unico busto arsizio area beata giuliana

Tanti problemi, nessuna soluzione, solo un annuncio. È il messaggio che il consigliere regionale del PD Samuele Astuti ha rivolto al direttore dell’Asst Valle Olona Eugenio Porfido nel corso dell’incontro al palazzo comunale di Gallarate nel corso della commissione ha cui hanno preso parte anche i consiglieri comunali democratici, Margherita Silvestrini e Carmelo Lauricella. «L’ospedale unico oggi è la somma di due ospedali, la fusione è stata fatta ma non pensata – hanno detto Samuele Astuti e Margherita Silvestrini -. La mancata programmazione e omogeneizzazione dei servizi ha creato problemi che solo ora, con notevole ritardo, si sta cercando di affrontare».

«Occorre recuperare il tempo perduto, anche perché ci vorrà altro tempo affinché i cittadini possano beneficiare dei cambiamenti messi in cantiere dal dottor Porfido. Oggi abbiamo problemi seri con i due pronto soccorso, che sono quelli della ASST con più grande flusso di pazienti in tutta la Lombardia. C’è carenza di personale, anche in altri reparti, e speriamo che i bandi aperti diano risultati. Ci sono anche deficit strumentali e alcune difficoltà del sistema informatico. Le questioni aperte sono molte e difficilmente saranno risolte in modo efficace prima della costruzione del nuovo ospedale. Anche a quel punto, però, si porrà il problema delle cure a bassa intensità, che mancano nel nostro territorio. La soluzione preferibile sarebbe che nelle strutture dei due ospedali attuali si potessero costituire dei presidi territoriali per le prestazioni ambulatoriali e per la cura dei pazienti subacuti. C’è un presente da presidiare, e ci pare che il dottor Porfido stia iniziando a farlo, dopo anni di mancata programmazione da parte della Regione, e un futuro da costruire, e qui i tempi potrebbero essere lunghi, molto lunghi».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore