Conte: “Inaccettabili le dichiarazioni su Alfa”

Anche il capogruppo PD al consiglio comunale Luca Conte interviene sulle ultime vicende che hano colpito la politica provinciale

luca conte

«Le vicende di questi giorni hanno gettato discredito sulla nostra provincia, smascherando un presunto sistema di potere ramificato nelle amministrazioni locali come nelle partecipate. A reggere il sistema sarebbe stato il dominus di Forza Italia Nino Caianiello, affiancato da un manipolo di fedelissimi. Complici politici, nonostante oggi si affrettino a prendere le distanze, i maggiorenti leghisti che con Caianiello e i suoi da decenni condividono un percorso ad ogni livello. Con esso da anni concordano ogni nome ed ogni nomina, con esso da anni discutono ogni scelta, con esso quotidianamente interloquiscono. La responsabilità politica leghista è fuori di dubbio. Sono inaccettabili pertanto le uscite odierne di chi si smarca solo ora da un alleato divenuto improvvisamente ingombrante» Così si esprime, sui fatti di questi giorni, Luca Conte, Capogruppo del Partito Democratico in consiglio comunale a Varese.

«Altrettanto inaccettabili le giustificazioni dei vertici che, dichiarano, nulla sapevano – continua il consigliere – È il caso di Alfa srl, società provinciale che gestisce un comparto quanto mai strategico come l’acqua, ma anche altrettanto vicino alla vita quotidiana dei cittadini. Alfa sarebbe stata, a quanto si apprende dalla stampa, una delle società partecipate oggetto di interessi illegittimi, malversazioni e affari ben poco puliti. È sempre triste rilevare una mala gestio della cosa pubblica, ma lo è ancora di più in casi come questi. Non si può infatti non collegare tali notizie alla pervicace, continua e duratura inefficienza di una società che, evidentemente, per alcuni doveva servire a ben altro che a fornire i servizi per cui è stata costituita. D’altro canto (piccola, ma significativa dimostrazione)  le migliaia di tombini di Varese, che essa avrebbe dovuto mantenere puliti ed efficienti e sui quali invece non è mai intervenuta nonostante i continui e ripetuti solleciti del comune, stanno lì a dimostrarlo ad ogni nostro passo».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore