Cosa c’entra Largo Flaiano con via Selene? Lo spiega la commissione congiunta di Varese

Fanno entrambi parte, e con loro anche le tre rotonde di Esselunga, di quella che viene salutata come una rivoluzione di uno dei due nodi di entrata più importanti di Varese

Via Selene

Cosa c’entra il grande nodo di largo Flaiano con la piccola e poco conosciuta via Selene? C’entra molto, secondo quello che è emerso nella commissione congiunta che ha riunito i gruppi Urbanistica, Ambiente e Lavori Pubblici.

Fanno entrambi parte, e con loro anche le tre rotonde di Esselunga, di quella che viene salutata come la rivoluzione di uno dei due nodi di entrata più importanti di Varese, quello che è rappresentato dalla zona Flaiano – Borri.

Per questo la lunga esposizione dell’assessore ai lavori pubblici Andrea Civati è partita dal progetto di largo Flaiano, ha proseguito con l’illustrazione del sistema delle rotonde Esselunga e solo alla fine ha spiegato quelle poche centinaia di metri, ma molto importanti, di via Selene, che sono destinate innanzitutto a far andare direttamente in autostrada i mezzi pesanti della zona industriale di Varese sud e Schianno, che ora per arrivarci attraversano tutta via Piana di Luco, si immettono nella parte finale di viale Borri e da lì raggiungono la tangenziale di Varese.

Un progetto esecutivo che sta completando Esselunga, visto che fa parte delle sue opere di compensazione, ma i cui lavori saranno finanziati dalla Regione. E proprio l’annuncio dell’effettivo finanziamento ha causato molte preoccupazioni sulle sorti dell’area verde circostante della Stoppada, anche se – proprio nella descrizione fatta dall’assessore – si scopre che l’area verde protetta non verrà toccata, e nel progetto è compresa una pista ciclopedonale che vuole collegare l’area di viale Europa con i sentieri della zona.

E proprio l’impatto ambientale è stato spiegato dall’altro assessore coinvolto, Dino de Simone, che ha segnalato come «il sacrificio di poche centinaia di metri viene compensato togliendo traffico in via Piana di Luco, quella si compresa in una grande area boschiva, all’interno del Plis Cintura Verde, che vale la pena di preservare»

Una lunga riunione, durata più di due ore, ma che ha soddisfatto i tanti membri collegati in riunione, soprattutto per la completezza delle relazioni.

A parte le residue preoccupazioni per l’area verde, espresse soprattutto con la richiesta di poter continuare a monitorare i lavori dai due componenti della maggioranza Elena Baratelli e Luca Paris  ma anche dal presidente della commissione ambiente Paolo Cipolat che ha chiesto di integrare l’area verde nel progetto esecutivo relativo alla viabilità, l’unico vero punto critico si è rivelato quello della Gasparotto Borri, bretella ipotizzata nello scorso PRG ma ancora ben presente nelle piantine mostrate per illustrare i lavori che diversi rappresentanti della minoranza, primo fra tutti l’ex assessore all’urbanistica Fabio Binelli, hanno riportato nella discussione come una ipotesi da non abbandonare: un argomento però che per la maggioranza attuale non è nemmeno all’ordine del giorno.

Stefania Radman
stefania.radman@varesenews.it

Il web è meraviglioso finchè menti appassionate lo aggiornano di contenuti interessanti, piacevoli, utili. Io, con i miei colleghi di VareseNews, ci provo ogni giorno. Ci sosterrai? 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 12 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Bianca Tramontin
    Scritto da Bianca Tramontin

    Vorrei sapere quando l’amministrazione comunale si preoccuperà finalmente dei pedoni che in Varese camminano su strade pericolose, senza marciapiedi e con passaggi pedonali male illuminati !!!!———————————————————

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.