Rizzi patteggia e torna in libertà

L'ex-braccio destro di Maroni, coinvolto a febbraio nell'inchiesta sulla sanità lombarda, ha proposto 2 anni e 8 mesi mentre per la moglie, in abbreviato, il pm ha chiesto una pena di 8 mesi. Il 20 luglio la decisione del Gup

fabio rizzi

Fabio Rizzi è nuovamente un uomo libero. Anche l’ultima misura cautelare, quella degli arresti domiciliari, è stata revocata. Lo annuncia il legale Monica Alberti: «Da ieri non è più ristretto ai domiciliari – ha dichiarato – abbiamo proposto un patteggiamento della pena a 2 anni e 8 mesi che sconterà con l’affidamento in prova».

L’ex-braccio destro di Roberto Maroni ed ex-consigliere regionale della Lega Nord era stato arrestato a febbraio nell’ambito dell’inchiesta sulla sanità lombarda che ha investito il sistema delle cliniche dentistiche convenzionate con la Regione, in particolare quelle legate a Maria Paola Canegrati che attraverso le sue società si era aggiudicata numerosi appalti per la gestione di queste cliniche, corrompendo funzionari del mondo sanitario, regionale e politici tra i quali lo stesso Rizzi.

Rizzi e la compagna sono accusati di aver favorito il sistema, il primo mettendosi a disposizione dell’imprenditrice e facendole vincere numerosi appalti, la seconda come terminale della corruzione facendosi inserire nelle società della Canegrati. Per la consorte di Rizzi, in sede di rito abbreviato, il pm ha chiesto la condanna a 8 mesi mentre il legale ha chiesto l’assoluzione. Il 20 luglio si terrà l’udienza davanti al Gup del Tribunale di Monza che dovrà decidere anche per definire il patteggiamento del politico varesotto.

 

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 29 Giugno 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lenny54

    Quindi in Italia, un politico ruba i soldi dei cittadini (tanti) se viene beccato, patteggia, al massimo fara’ i servizi sociali(??) gli verra’ forse chiesto di restituirli e non si sa se lo fara’ davvero.. e poi ritorna a fare il politico, ops il ladro? Davvero e’ cosi? Non lo sapevo!

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.