Attenzione ai temporali tra sabato sera e domenica

L'annuncio dalla sala operativa della Protezione Civile. Eventi anche forti nel corso del fine settimana

Temporale di maggio

La Sala operativa della Protezione civile della Regione Lombardi ha emesso una comunicazione di ordinaria criticita’ (codice giallo) per rischio temporali forti a partire dalle sabato 29 luglio.

METEO – Le previsioni meteorologiche emesse da Arpa-Smr prevedono tra la serata di oggi, sabato 29 luglio, e la mattinata di domani, domenica 30, l’insorgenza di temporali sparsi su buona parte della regione. Nel pomeriggio di domenica sono attesi nuovi rovesci e temporali su aree alpine e prealpine; fenomeni solo occasionali su Pianura e Appennino.

Si evidenzia la possibilita’ di precipitazioni localmente abbondanti, grandinate di piccole-medie dimensioni e raffiche di vento”.
In base a queste previsioni, si prevede, appunto, ‘Codice giallo’ (ordinaria criticita’) per:

RISCHIO TEMPORALI FORTI – Il rischio temporali forti e’ previsto sulle zone omogenee IM-01 (Valchiavenna, provincia Sondrio), IM-02 (Media-bassa Valtellina, provincia Sondrio), IM-03 (Alta Valtellina, provincia Sondrio), IM-04 (Laghi e Prealpi varesine, provincia Varese), IM-05 (Lario e Prealpi occidentali, province Como e Lecco), IM-06 (Orobie bergamasche, provincia Bergamo), IM-07 (Valcamonica, province Bergamo e Brescia), IM-08 (Laghi e Prealpi orientali, province Bergamo e Brescia), IM-09 (Nodo idraulico di Milano, province Como, Lecco, Monza Brianza, Milano e Varese), IM-10 (Pianura centrale, province Bergamo, Cremona, Lecco, Lodi, Monza e Brianza e Milano), IM-11 (Alta pianura
orientale, province Bergamo, Brescia, Cremona e Mantova) e IM-12 (Bassa pianura occidentale, province Cremona, Lodi, Milano e Pavia);

RISCHIO IDRAULICO – Il rischio idraulico interessa la zona omogenea IM-09 (Nodo idraulico di Milano, province Como, Lecco, Monza Brianza, Milano e Varese).

EFFETTI AL SUOLO – La Sala operativa chiede ai presìdi territoriali di protezione civile di mantenere una fase operativa di attenzione, cioè di predisporre il sistema locale alla pronta attivazione di azioni di monitoraggio e contrasto,
congruenti a quanto previsto nella pianificazione di emergenza comunale, per la salvaguardia della pubblica incolumità e la riduzione dei rischi.
In particolare, si suggerisce ai presìdi territoriali di prestare attenzione a fenomeni che localmente potrebbero risultare pericolosi, quali:

– gli scenari di rischio temporali forti (rovesci intensi, fulmini, grandine, raffiche di vento) caratterizzati da elevata incertezza previsionale ma con effetti dannosi sul territorio, quali: danni a coperture e a strutture provvisorie; rottura di rami, caduta di alberi e abbattimento di pali, segnaletica e impalcature con conseguenti effetti sulla viabilita’ e sulle reti aeree di comunicazione e di distribuzione di servizi; danni alle colture agricole e agli automezzi a causa di grandinate; innesco di incendi e lesioni da fulminazione; possibili locali dissesti idrogeologici; problemi per la sicurezza dei voli amatoriali e delle attivita’ svolte sugli specchi lacuali.

– gli scenari di rischio idraulico, con effetti localizzati legati a innalzamenti dei livelli idrici, fenomeni di erosione spondale, possibili locali effetti di esondazione e/o
insufficienza del reticolo di drenaggio urbano (in particolar modo nelle aree metropolitane), che potrebbero determinare pericolo per la sicurezza e integrita’ di beni e persone;
allagamenti di locali interrati e di quelli posti a pian terreno lungo vie potenzialmente interessate da deflussi idrici; danni localizzati alle opere di contenimento e regimazione dei corsi d’acqua; danni localizzati a infrastrutture, edifici e attività agricole, cantieri, insediamenti civili e industriali situati in
aree inondabili; danni a beni e servizi. Si chiede di segnalare con tempestivita’ eventuali criticita’ che dovessero presentarsi sul proprio

INDICAZIONI OPERATIVE – La Sala operativa chiede di segnalare con tempestivita’ eventuali criticita’ che dovessero presentarsi sul proprio territorio in conseguenza del verificarsi dei fenomeni previsti, telefonando al numero verde della Sala operativa di Protezione civile regionale: 800.061.160 o via mail all’indirizzo: cfmr@protezionecivile.regione.lombardia.it.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 luglio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore