Una “casa nel parco” per liberare i libri

Domenica la presentazione del secondo punto di book crossing di Samarate Love Books, costruito con passione insieme a Fondazione Montevecchio e associazione Iris

Samarate generica generiche

Sarà una piccola “casa” tra le fronde degli alberi del parco di Villa Montevecchio. Una casa fatta non per chiudersi, ma per aprirsi, per liberare i libri, a disposizione di tutti.

Domenica 30 settembre (dalle 11) sarà inaugurato il secondo punto di book crossing di Samarate Love Books, costruito con passione insieme a Fondazione Montevecchio e associazione Iris.

Il parco della villa è quasi un naturale approdo per l’iniziativa del book crossing, perché «luogo vissuto da famiglie, anziani, da ogni genere di persona», spiega Consuelo Sozzi, una delle animatrici del progetto Samarate Love Books. «Nato quattro anni fa, siamo partite dalla biblioteca della scuola di Cascina Elisa con un grande sogno: portare i libri dove libri non ci sono. Abbiamo attivato il book crossing “Pensieri oltre” al circolo di Verghera, abbiamo fatto letture per i bambini e in occasione di eventi».

La nuova sfida è fatta coinvolgendo non solo i “padroni di casa” di Fondazione Montevecchio, ma anche l’associazione Iris (Insieme Ripensiamo Samarate), nata solo lo scorso inverno ma già attivissima. Insieme hanno scelto «un punto con vista sulla villa, capace di creare un certo raccoglimento, con il verde intorno che faccia ombra». Samarate Love Books ha costruito la casetta dei libri e procurerà i libri, la Fondazione si è procurata una panchina adatta al contesto, «che sarà poi decorata nel tempo, arricchendola di contenuti», anticipa Sozzi. Mentre Iris si prenderà cura dell’intero spazio.

Un impegno per la bellezza, spiega Emanuela Signorini, entusiasta referente del settore fiori e spazi urbani di Iris: «La prima lettera del primo libro stampato, la Bibbia di Gutenberg, era tutta coperta e decorata da fiori. Perché il fiore è da sempre associato alla bellezza, accompagna le cose belle della vita. Inizia qualcosa di importante, inizierà ogni volta che qualcuno prenderà un libro dalla casetta: saranno tanti inizi diversi».

«Siamo veramente onorati ospitare questa iniziativa pregevole, un modo per vivere sempre di più il parco della villa» ha commentato il presidente della Fondazione Tiziano Zocchi. «È un’altra testimonianza che associando le associazioni si fa molta strada: è la soluzione per fare iniziative che altrimenti l’amministrazione pubblica da sola non sarebbe in grado di fare».

Appuntamento dunque domenica: ci saranno letture e un momento ufficiale d’inaugurazione. Nella casetta, tanti libri preparati da Samarate Love Books, ma scelti anche dai partner coinvolti. «Abbiamo pensato di riempirla di libri che ci rappresentassero: alcuni testi legati all’attività di Fondazione, altri a Samarate Love Books, altri di Iris, altri ancora scelti dalla città di Samarate, visto che il Comune ha dato il patrocinio». E poi una selezione di testi di autori locali, che hanno accolto l’invito «con gioia e stupore».

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 25 settembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore