Il sindaco di Gavirate: “Servono misure di sicurezza per la Sp1”

Nuove misure per aumentare la sicurezza sulla Sp1 e sulla rete viaria circostante, teatro dell’ennesimo incidente mortale nel quale ha perso la vita un 41enne. Anche l'opposizione chiede provvedimenti

silvana alberio sindaco gavirate

Nuove misure per aumentare la sicurezza sulla Sp1 e sulla rete viaria circostante, teatro dell’ennesimo incidente mortale nel quale ha perso la vita un 41enne, coinvolto nello scontro tra il suo scooter e una macchina.

«Questa mattina ho contattato il vice presidente della provincia Marco Magrini col quale abbiamo convenuto di creare un tavolo tecnico per la sicurezza dei comuni attraversati dalla Sp1 per verificare quali misure prendere sulla viabilità». Così commenta il sindaco di Gavirate Silvana Alberio. Solo una settimana fa a seguito dello scontro di due auto uno dei mezzi incidentali prese fuoco e un mese fa verso Cocquio Trevisago trovò la morte la giovanissima Valentina Guerra.

«Questa mattina un altro incidente mortale sulla strada Provinciale 1, un altro morto sulla strada. Sta diventando preoccupante quel tratto di strada provinciale, non è più possibile stare a guardare senza precisi interventi a garanzia della sicurezza. Certamente gli incidenti sono frequentemente causati da distrazioni e negligenze di chi è alla guida dell’auto, della moto e del camion, sicuramente non possiamo mettere un vigile ogni cento metri per impedire le infrazioni, ma è necessario adottare tutte quelle misure utili per ridurre la pericolosità dei tratti stradali più delicati – commenta Gianni Lucchina della lista consiliare di minoranza “Per Gavirate” -. La Provincia deve intervenire subito senza alcuna esitazione nell’adozione di nuove misure capaci di potenziare la sicurezza e la prevenzione. Penso sia utile ad esempio aumentare i controlli, verificando anche la possibilità di installare telecamere, evitare la possibilità di inserirsi sulla carreggiata opposta rispetto alla via percorsa che si innesta sulla sp1, prevedendo la striscia bianca continua e ridurre la velocità consentita. Solo poche considerazioni per sollecitare un immediato intervento. La competenza è della Provincia per queste ragioni chiedo alla stessa Provincia di intervenire al più presto. Ricordo che ogni situazione, come quella che si è verificata stamani mattina, ha ricadute sociali ed economiche principalmente sul territorio di Gavirate, quindi al di là delle competenze i cittadini chiedono celeri risposte».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 settembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cladico

    Bisogna mettere del newjersey (divisori di cemento) in mezzo alla strada per evitare i sorpassi……

  2. Scritto da eric67

    Oppure progettare e costruire un’arteria che colleghi il nord della provincia alla rete autostradale con due carreggiate separate. O il raddoppio della SP1 da Cittiglio a Azzate o il raddoppio da Cittiglio a Besozzo e l’eliminazione dei semafori sulla vergiatese. Basta con queste strade ipertrafficate, con veicoli lenti dove, ogni volta che c’è una vittima, si aggiunge un limite di velocità ed un nuovo tratto con la linea continua.

Segnala Errore