Premio scuola digitale Lombardia: in gara il Facchinetti

L'istituto superiore scelto per rappresentare la provincia di Varese nel concorso indetto dal Ministero. La fase finale regionale si svolgerà giovedì 22 novembre

esterni facchinetti

Sai svolgerà domani, giovedì 22 novembre presso l’Auditorium Testori di Palazzo Lombardia a Milano la fase finale del Premio Scuola Digitale Lombardia.

L’iniziativa del Miur intende promuovere l’eccellenza e il protagonismo delle scuole italiane nell’apprendimento e nell’insegnamento della didattica digitale, incentivando l’utilizzo delle tecnologie digitali nel curriculo, secondo quanto previsto nel Piano Nazionale Scuola Digitale e favorendo l’interscambio delle esperienze nel settore dell’innovazione didattica e digitale.

La competizione tra scuole prevede la partecipazione delle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado, con il coinvolgimento attivo delle studentesse e degli studenti che abbiano proposto e/o realizzato progetti di innovazione digitale, caratterizzati da un alto contenuto di conoscenza. 

Tra le candidate al premio c’è anche l’istituto Facchinetti di Castellanza, scelta in rappresentanza della provincia di Varese. Le altre scuole sono: 

ITIS “Guglielmo Marconi” di Dalmine (Bergamo)
IIS “Luigi Einaudi” di Chiari (Brescia)
Liceo scientifico “Galileo Galilei” di Erba (Como)
IISS “Alessandro Greppi” di Monticello Brianza (Lecco)
IIS “Angelo de Cesaris” di Casalpusterlengo (Lodi)
ITCG “Achille Mapelli” di Monza (Monza-Brianza)
ITC “Jacopo Nizzola” di Trezzo d’Adda (Milano)
IIS “Galileo Galilei” di Ostiglia (Mantova)
Liceo “Benedetto Cairoli” di Vigevano (Pavia)

Alla manifestazione parteciperanno il Sottosegretario del Miur Salvatore Giuliano, il Direttore generale di Usr Lombardia, Delia Campanelli e l’assessore all’istruzione di Regione Lombardia, Melania De Nichilo Rizzoli.

A presentare la giuria e a introdurre il regolamento della giornata, Claudia Casavola, referente Usr regionale Lombardia del Piano Nazionale Scuola Digitale.

« La nostra regione – ha spiegato il direttore generale Usr Lombardia, Delia Campanelli  conta sulla presenza, in moltissime scuole, di ambienti tecnologici all’avanguardia, e ha sviluppato negli anni modelli di apprendimento attivi, basati sullo sviluppo di competenze collaborative attraverso l’uso delle tecnologie, anche molto avanzate. Le pratiche didattiche sono state così rilette e costantemente trasformate grazie all’introduzione della tecnologia, e ciò ha certamente favorito un maggiore protagonismo degli studenti e, non meno importante, lo sviluppo di attitudini cooperative, oltre che risultati soddisfacenti sul piano degli esiti formativi dei nostri studenti. In relazione all’innovazione digitale, possiamo affermare che la Lombardia ha raggiunto un buon livello di sviluppo.
Sappiamo benissimo, però, che – per sua stessa natura – la digitalizzazione non ha mai un punto di arrivo; esige costanti adeguamenti legati alla continua evoluzione tecnologica e alle riflessioni pedagogiche che fioriscono grazie all’attenzione dedicata ai nuovi metodi di insegnamento/apprendimento da docenti e ricercatori».

L’assessore regionale all’Istruzione e Formazione, Melania Rizzoli ha dichiarato: « Sono felice che Regione Lombardia ospiti un evento orientato a incentivare una cultura dell’innovazione di cui tutto il Paese ha bisogno. Regione Lombardia da molti anni è attiva su queste tematiche: in particolare vorrei ricordare i risultati raggiunti con Generazione Web Lombardia, che negli anni ha permesso a moltissimi studenti della scuola e della formazione professionale lombarda di dotarsi di strumenti didattici all’avanguardia, e soprattutto ogni anno contribuisce alla formazione digitale dei docenti lombardi, attraverso corsi finanziati dalla regione”.

Il progetto vincente andrà poi a concorrere alla fase nazionale del premio.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 21 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore